26. Che cosa sono i «Metodi naturali»?

Si tratta di un insieme di metodi che si basano sull’osservazione del ciclo femminile. Infatti, in un ciclo normale, la donna e’ fertile solo per un certo numero di giorni. Il suo corpo, quando si prepara ad un’eventuale accoglienza della vita, emette tutta una serie di segni che possono essere osservati con un po’ di attenzione:

– un aumento di qualche grado della temperatura dopo il momento dell’ovulazione;

Aiuta con un piccolo contributo
con PayPal Bancomat o Carta di credito:

– la presenza di una sostanza chiamata «muco cervicale», di cui è possibile raccogliere qualche goccia nella vulva ed osservarne la consistenza.

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

  • Questi segni permettono dunque alla donna di distinguere i periodi fertili e quelli sterili. Se la coppia desidera un bambino potrà unirsi in modo particolare nei periodi fertili. Se la coppia non lo desidera, privilegerà i periodi non fertili.
  • È un metodo che porta a «tempi dell’amore» diversi: i momenti dell’amore fisico e i momenti nei quali l’amore si esprime in un altro modo. La maggior parte delle coppie che utilizzano i metodi naturali sperimentano che questa alternanza favorisce il dominio di sé, un aumento del dialogo e della comprensione reciproca. Accogliere l’altro in tutte le sue dimensioni e rispettare la capacità di dace la vita, propria della donna e dell’uomo, porta ad un amore più aperto e più profondo. Il desiderio, infine, invece di affievolirsi, si rinnova.
  • Quando questi metodi sono ben applicati, la loro affidabilità è ottima Occorre, ovviamente, essere quanto mai regolari nell’osservazione e si rendono indispensabili il sostegno del marito ed il suo interesse nella pratica del metodo. Non è straordinario e molto più sano capire cosa avviene nel nostro corpo e vivere secondo il suo ritmo?

«La tenerezza
è l’arte di “sentire”
l’uomo tutto intero,
tutta la sua persona,
tutti i moti della sua anima,
anche i più nascosti,
pensando sempre
al suo vero bene
»
(K. Wojtyla)