Cosa sono le Mutilazioni Genitali Femminili?

Le Agenzie dell’ONU preposte alla promozione dei Diritti di salute riproduttiva – Organizzazione Mondiale della Sanità, UNICEF e UNFPA – dichiarano che:

“la mutilazione genitale femminile comprende tutte le procedure che includono la rimozione parziale o totale dei genitali femminili per ragioni culturali o altre ragioni non terapeutiche”.

Attraverso le mutilazioni sessuali, la comunità mostra alle bambine e alle donne che il loro corpo non appartiene a loro. Le stesse sono dunque riconosciute internazionalmente come una grave violazione dei diritti umani delle donne e delle ragazze, al pari delle torture, le cui vittime necessitano di essere curate nella loro specificità, attraverso un approccio personalizzato.

Mutilazione Genitale Femminile è il termine che nel 1995 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha adottato per indicare tutte le procedure che comportano la rimozione parziale o totale, o altre lesioni arrecate ai genitali femminili esterni, per motivi culturali o altri motivi non terapeutici.
Esistono diversi termini per indicare le MGF:

CF Circoncisione Femminile
MGF Mutilazione Genitale Femminile (OMS, UNFPA, UNICEF)
IGF Incisione Genitale Femminile (UNFPA, USAID)
MGF Mutilazione Genitale Femminile/Incisione (UNICEF)
E Escissione
EGF Escissione Genitale Femminile

Fonte: “Linee guida per il riconoscimento precoce delle vittime di mutilazioni genitali femminili o altre pratiche dannose” – Associazione Trama di Terre

Aiuta con un piccolo contributo
con PayPal Bancomat o Carta di credito:

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014