I cinque business (sulla pelle dei cittadini)

Le priorita’ per lo stato: lotta alla disoccupazione? contrasto alla poverta’? riduzione degli sprechi e della corruzione?… No, i politici e i massmedia sono tutti schierati su altri temi:
1) droga (proposta di legge Della Vedova con Monopolio di stato… e la presa per i fondelli del 5% di introiti per curare e prevenire l’uso di droga) meglio cittadini un po’ fatti e sfatti e psicotici che persone lucide e forti

2) prostituzione (proposta di legge Spilabotte – Cirinnà) per lucrarci sopra e la presa per i fondelli di 20 ore l’anno nelle scuole per prevenire il danno sociale della prostituzione..) meglio distruggere il valore della sessualità e lucrare sulla povertà, sulla disperazione o sulla fragilità di chi si venderà per sfruttamento, fame o ignoranza

SE PUOI.... AIUTACI:

3) gioco d’azzardo (già legale, introiti pochissimi per lo stato, facilissimo giocare e riciclare denaro, tantissime famiglie distrutte e persone dipendenti dal gioco) meglio indebolire le famiglie e guadagnare sulle dipendenze e sogni della gente, meglio ripulire il denaro sporco con un metodo semplice e invisibile come l’azzardo

4) fecondazione artificiale e utero in affitto (limiti della legge 40 smantellata a colpi di sentenze e legge Cirinnà sulle unioni civili all’art.5) meglio far spendere allo stato decine di migliaia di euro per tentativo artificiale che proporre cure per l’infertilità o campagne per promuovere e sostenere la gravidanza sotto i 30 anni. Un business da mezzo miliardo di euro l’anno in Italia. Meglio destrutturare la famiglia separando la procrezione dalla sessualità e aprire al mercato degli esseri umani con l’utero in affitto

5) eutanasia (con un percorso graduale: prima solo per terminali, poi per i malati cronici gravi, poi per chiunque stia male e lo chieda, poi per i depressi, disabili e anziani come sta avvenendo in Olanda e Belgio) meglio ridurre le spese per anziani e disabili eliminandoli anzichè ridurre sprechi e ruberie del sistema sanitario