Il velo nel Corano. Nessun obbligo di portarlo

Nel Corano non vi è alcuna prescrizione del velo alle donne: ecco i versetti in cui se ne parla, vi propongo una scheda da me redatta (Magdi Allam) sulle citazioni del velo in seno al Corano. Si potrà constatare che nel Corano non vi è una prescrizione del velo alle donne. Essa è piuttosto il frutto di un’interpretazione integralista ed estremista del Corano che in Italia è patrocinata da alcune organizzazioni islamiche molto diffuse.

Nel versetto XXIV, 30-31, del Corano compare la parola khumur, tradotta come “velo” nell’edizione italiana del Corano curata da Alessandro Bausani e nell’edizione curata dall’Ucoii con i commenti di Hamza Roberto Piccardo. Ma per Bausani è un velo che deve ricoprire solo i seni, mentre per Piccardo è un velo che deve scendere dalla testa al petto.
Bausani: “E dì alle credenti che abbassino gli sguardi e custodiscano le loro vergogne e non mostrino troppo le loro parti belle, eccetto quel che di fuori appare e si ricoprano i seni d’un velo”.
Piccardo: “E dì alle credenti di abbassare i loro sguardi ed essere caste e di non mostrare, dei loro ornamenti, se non quello che appare; di lasciar scendere il loro velo fin sul petto”.

SE PUOI.... AIUTACI:

Nel versetto XXXIII, 53 del Corano compare la parola hijab, abitualmente tradotta come “velo”, ma che è intesa come “tenda” da Bausani e come “cortina” da Piccardo.
Bausani : “E quando domandate un oggetto alle sue spose, domandatelo restando dietro una tenda: questo servirà meglio alla purità dei vostri e dei loro cuori.”
Piccardo: “Quando chiedete ad esse un qualche oggetto, chiedetelo da dietro una cortina: ciò è puro per i vostri cuori e per i loro

Nel versetto XXXIII, 59, del Corano compare la parola jilbab, tradotta come “mantelli” dal Bausani e come “veli” da Piccardo.
Bausani: “O Profeta! Dì alle tue spose e alle tue figlie e alle donne dei credenti che si ricoprano dei loro mantelli; questo sarà più atto a distinguerle dalle altre e a che non vengano offese”.
Piccardo: “O Profeta di’ alle tue spose , alle tue figlie e alle donne dei credenti di coprirsi dei loro veli, così da essere riconosciute e non essere molestate”.

Ebbene, dopo aver constatato che nel Corano non vi è alcuna prescrizione del velo alle donne, dico che anche se vi fosse stata, noi qui in Italia, in uno Stato laico e liberale, dobbiamo comportarci sulla base dell’unica legge dello Stato e dei soli valori insiti nella Costituzione e in cui si riconoscono gli italiani. Tra essi primeggiano quelli che riconoscono la piena parità tra uomo e donna e il divieto assoluto di qualsiasi discriminazione nei confronti della donna. Anche se si tratta di un semplice velo che le contraddistingue e le separa e le opprime. Cordiali saluti e i miei migliori auguri di verità, vita, libertà e pace.
Magdi Allam – Corriere della Sera

 

************************************ IL TUO 5 per mille PER I POVERI per gli ultimi, per chi e' sfruttato, per difendere la vita sul tuo 730, modello Unico, metti il codice fiscale degli Amici di Lazzaro: 97610280014 ****************