Tutti gli articoli di valentina

Quello che è opportuno conoscere sulle dipendenze patologiche: droga, farmaci, internet

La problematica delle dipendenze patologiche è di costante attualità e in continua evoluzione: ne è una prova la modifica di uno scenario che non è più occupato solamente dall’uso e abuso di sostanze, ma che è caratterizzato da una sempre maggiore rilevanza delle dipendenze cosiddette “sine substantia”, rappresentate in primis dal gioco d’azzardo patologico e, … Continua la lettura di Quello che è opportuno conoscere sulle dipendenze patologiche: droga, farmaci, internet

Dal bullismo al cyberbullismo

Il sempre crescente utilizzo di Internet condiziona le relazioni sociali, quelle interpersonali e i comportamenti di tutti, coinvolgendo sia i “nativi digitali” sia i “migranti digitali” e ogni singolo utente, di qualsiasi età, che si trovi costantemente connesso al Web. Nel momento in cui ci si affaccia al mondo di Internet, non si sta semplicemente … Continua la lettura di Dal bullismo al cyberbullismo

Strumenti di segnalazione per episodi e/o materiali causanti disagio e abusi

Sono numerose le modalità attraverso le quali le scuole potranno inoltrare eventuali segnalazioni ed essere accompagnate con assistenza specializzata. Per segnalare un problema di abuso all’infanzia, di pedofilia o di diritti dell’infanzia è possibile chiamare il numero verde 800 45 52 70 dell’Associazione “Meter onlus” che ha l’obiettivo di aiutare e accompagnare in tutte le sue difficoltà … Continua la lettura di Strumenti di segnalazione per episodi e/o materiali causanti disagio e abusi

La storia di Kate: voleva aiutare la nonna e tutta la famiglia

Kate è stata affidata alla nonna in tenerissima età, dopo la morte del padre. Frequenta le scuole elementari e vede di rado la madre che, nel frattempo, si è risposata. Nel 2009 viene affidata a una signora che vive a Warry, che inizialmente si offre di prendersi cura di lei e farle continuare gli studi, … Continua la lettura di La storia di Kate: voleva aiutare la nonna e tutta la famiglia

La paura di tornare sulla strada è più forte di tutto (Precious, 17 anni)

Nella primavera del 2016 le Forze dell’ordine incontrano Precious, una ragazza nigeriana palesemente minore, lungo una strada periferica della Sicilia. Condotta presso il Commissariato di Polizia, la giovane afferma di avere 21 anni e di voler essere riaccompagnata dalla sorella più grande che vive in città. Precious è sprovvista di documenti, è spaventata e restia … Continua la lettura di La paura di tornare sulla strada è più forte di tutto (Precious, 17 anni)

Le vittime minorenni

È allarmante l’aumento di vittime adolescenti. L’età sempre più bassa delle minori nigeriane in arrivo via mare è inversamente proporzionale alla coscienza di essere vittime di tratta, delle violenze e degli abusi che le vittime sono destinate a subire. Infatti, un numero consistente di adolescenti incontrate nei luoghi di sbarco dichiara all’OIM di non aver … Continua la lettura di Le vittime minorenni

Indicatori per identificare le vittime di tratta

Già nel primo rapporto sul fenomeno della tratta di esseri umani a scopo di sfruttamento sessuale in Italia pubblicato dall’OIM nel 2015/18, l’Organizzazione aveva elaborato un elenco di indicatori utili a individuare potenziali vittime di tratta tra i migranti appena sbarcati, sulla base di informazioni raccolte di prima mano durante gli incontri con i migranti. … Continua la lettura di Indicatori per identificare le vittime di tratta

Promesse e poi minacce e sfruttamento. La storia di Nina, 17 anni.

Nina è sbarcata in Italia nel 2015 ancora diciassettenne. Il personale dell’OIM l’ha incontrata al porto e, in seguito, più volte presso il centro di prima accoglienza dove è stata collocata. Nata in Nigeria a Benin City, all’età di 10 anni Nina ha iniziato a subire, dal padre, abusi che continuano fino a quando decide … Continua la lettura di Promesse e poi minacce e sfruttamento. La storia di Nina, 17 anni.

Vittime di violenza sessuale durante il viaggio

Nel fenomeno della tratta vi è un elemento in evoluzione legato al viaggio e alle condizioni di sicurezza nei paesi di transito. L’OIM ha infatti constatato che il controllo delle vittime di tratta da parte dei trafficanti durante la loro permanenza nei paesi di transito è reso difficoltoso dalla situazione di instabilità in cui questi … Continua la lettura di Vittime di violenza sessuale durante il viaggio

La storia di Sandra: il coraggio di fidarsi, oggi c’è speranza.

L’OIM riceve una telefonata da parte di Sandra, ragazza nigeriana appena maggiorenne che racconta di essere arrivata da qualche giorno in Italia e che dichiara di trovarsi in un centro di accoglienza del nord. La giovane spiega di aver compreso l’informativa sulla tratta di esseri umani ascoltata il giorno del suo sbarco e ha il … Continua la lettura di La storia di Sandra: il coraggio di fidarsi, oggi c’è speranza.

Parlare in codice: la terminologia utilizzata.

Per facilitarne la lettura e la comprensione è utile il chiarimento, breve, di alcuni termini ricorrenti utilizzati dalle vittime di tratta durante i colloqui: Madame: il termine “madame” è un appellativo di rispetto che significa “signora”, ma nel contesto della tratta indica la trafficante che gestisce le vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale, … Continua la lettura di Parlare in codice: la terminologia utilizzata.

La storia di Blessing

Blessing, nigeriana, contatta il personale dell’OIM telefonicamente e racconta di trovarsi presso la stazione di una grande città italiana. Singhiozza e fa fatica a parlare, ma spiega di avere ascoltato l’informativa sulla tratta degli esseri umani al momento dello sbarco avvenuto in Sicilia, ma di non avere allora considerato l’ipotesi di trovarsi in quella condizione. … Continua la lettura di La storia di Blessing

Capire di avere un’alternativa: chiedere aiuto. La storia di Princess

Princess sbarca in Sicilia nel gennaio 2016 e l’OIM la incontra lo stesso giorno al porto. Viaggia in compagnia di un uomo molto più grande di lei che dichiara di essere suo marito. Nel corso dell’informativa effettuata dal personale dell’OIM sui rischi connessi alla tratta a scopo di sfruttamento sessuale, Princess appare confusa e rivolge … Continua la lettura di Capire di avere un’alternativa: chiedere aiuto. La storia di Princess

Da immigrato a sfruttato. L’esempio delle cinesi

Come Squadra Mobile, accertando questo meccanismo, abbiamo fatto un passo indietro e ricostruito il modus operandi che utilizzano queste persone (tratta delle cinesi). Iniziamo dall’arrivo in Italia delle persone clandestine: abbiamo verificato che in genere i clandestini giungono dietro pagamento di un prezzo per il viaggio. Arrivano dotati di passaporto, rilasciato in Cina con dei … Continua la lettura di Da immigrato a sfruttato. L’esempio delle cinesi

Lo sfruttamento presentato come opportunita’ di lavoro

Per quanto riguarda il discorso degli annunci, abbiamo riscontrato che quando il cliente telefona non parla direttamente con la ragazza che dovrebbe offrire la prestazione. Ciò avviene perché quest’ultima non conosce l’italiano, se non quei pochissimi vocaboli attinenti alla tipologia di prestazione che dovrà offrire. Quindi, nel momento in cui un cliente entra in casa … Continua la lettura di Lo sfruttamento presentato come opportunita’ di lavoro

L’indagine sui migranti clandestini cinesi

Farò un esempio di una attività, ormai nella fase finale, che ci può aiutare a delineare quelle che sono le nostre difficoltà di intervento e le accresciute capacità organizzative delle organizzazioni criminali nel cercare di rendere impercettibile la presenza delle ragazze che si prostituiscono all’interno delle case. Di recente abbiamo concluso un’indagine su alcune case … Continua la lettura di L’indagine sui migranti clandestini cinesi

L’indoor secondo la Squadra Mobile

Come Squadra Mobile abbiamo potuto notare negli ultimi tempi grandi cambiamenti nel fenomeno. Fino a pochi anni fa, infatti, la prostituzione in casa era riservata solamente ad una cerchia molto ristretta di persone, in genere di nazionalità italiana. In questi casi, seppur rari, si usavano i pied-à-terre, utilizzati dalle prostitute per cercare di rimanere il … Continua la lettura di L’indoor secondo la Squadra Mobile

Rischi Sanitari della Prostituzione Indoor

Rispetto alle problematiche sanitarie, cosa sanno e come si muovono le donne trafficate dell’indoor (in casa, nei locali, nei centri massaggi)? Dalle loro testimonianze emerge un quadro di donne informate, solo in parte, sui rischi che corrono di contrarre infezioni sessualmente trasmissibili. Molte di loro infatti pensano di non essere esposte a tale rischio nei … Continua la lettura di Rischi Sanitari della Prostituzione Indoor

Ricerca sulla “Prostituzione indoor in Europa”.

A partire dalla mappatura del 2003, l’Europa ha visto un progressivo trasferimento della prostituzione dalle strade all’indoor, in seguito a una serie di cambiamenti politici e legislativi. Un po’ meno dei due terzi dei sex worker in Europa lavorano in appartamento. Il carattere più nascosto della prostituzione indoor e la sua diffusione geografica rendono più … Continua la lettura di Ricerca sulla “Prostituzione indoor in Europa”.

Le sfide Indoor (prostituzione al chiuso)

Molte le sfide che questo mondo sommerso e dalle tante sfumature pone. Tra queste proviamo ad elencarne alcune su cui sarebbe utile lavorare, con continuità, metodo e incrociando competenze e capacità per tutelare in primis i diritti civili delle persone che si prostituiscono e con l’obiettivo di intercettare coloro che sono vittime di tratta. – … Continua la lettura di Le sfide Indoor (prostituzione al chiuso)