La Preghiera e la Decisione

preghiera1Non è affatto facile decidersi immediatamente per Dio. E’ necessaria prima una vera e propria risurrezione del libero arbitrio, imprigionato e pietrificato nel male. La grazia di Dio mi illumina sullo stato di perdizione in cui mi trovo. E’ come se fossi precipitato in un abisso dal quale non sono più in grado di uscire. L’unica cosa che posso compiere, sia pure sotto l’impulso della grazia preveniente, è l’invocazione a Dio, perché venga in mio aiuto:” Dal profondo a te grido, o Signore; Signore, ascolta la mia voce. Siano i tuoi orecchi attenti alla voce della mia preghiera “( Salmo, 129/130,1). La preghiera di supplica, piena di fiducia e di umile insistenza, è la prima risposta di un cuore toccato dalla grazia.

Nella preghiera maturano le decisioni da prendere. Uscire dal male è l’impresa più faticosa che esista. Molti iniziano, ma quanti continuano?

SE PUOI.... AIUTACI:

Quante volte anche tu hai meditato di prendere delle decisioni, ma poi hai rinunciato! Oppure, dopo averle prese, ti sei lasciato risucchiare nella vita di prima. La ragione è da ricercare nella estrema debolezza del libero arbitrio reso schiavo dal peccato: pur vedendo il bene da compiere, non ha la forza intima di autodeterminarsi. Vorrebbe decidersi per il bene, ma non ci riesce. Cosa fare? Il demone dello scoraggiamento è pronto ad assalirti, per toglierti ogni speranza di riscatto. In questa situazione occorre difendere ad oltranza la trincea della preghiera. In essa ti rafforzi e vedi con chiarezza i primi piccoli passi da compiere. Il libero arbitrio che risorge è come un bimbo che compie i primi passi. Ha bisogno di essere sorretto dalla preghiera continua e da un’eroica umiltà che gli fa accettare tutte le possibili debolezze, rialzandosi prontamente in piedi a ogni caduta.

 

Bisogna tener fissa l’attenzione sul nostro libero arbitrio, perché è il centro focale di tutto il processo di conversione. Nella preghiera davanti a Dio devi prendere delle decisioni sia pure piccole, che ti facciano fare un passo avanti nella lotta contro il peccato. Devi decidere di fare delle rinunce, oppure alcuni atti di riparazione, o tagliare dei legami, ognuno secondo le condizioni in cui si trova. Senza l’azione della volontà che ripudia il male e decide passi concreti sulla via del bene, la conversione non va avanti. Ci sono alcuni che vivono in una sorta di – velleità – inconcludente, per cui, pur desiderando convertirsi, in realtà rimangono sempre impantanati nel medesimo posto.

Eppure pregano, visitano santuari, chiedono consigli, moltiplicano le pratiche religiose, ma il cambiamento di vita non decolla. Per quale motivo ?

Il motivo consiste nel fatto che il processo di conversione si mette in moto solo nel momento in cui, con tutto lo sforzo che può costare – e a volte è una fatica che fa sudare sangue – decido di rinunciare al peccato e a tagliare alcuni legami concreti con il male. Se ad esempio ti stai drogando, devi nella preghiera arrivare alla decisione ferma di non prendere più la droga e di non frequentare persone e ambienti che ti mettono nell’occasione di drogarti. Certo, non sarà facile deciderlo e quand’anche l’avessi fatto, non è detto che riuscirai subito a conseguire gli obbiettivi che ti sei prefissato di raggiungere. Non fa nulla, ricominciando continuamente da capo il tuo combattimento, la volontà si rafforza nella lotta, finché le cadute diverranno sempre più rare, per poi scomparire del tutto.

************************************ IL TUO 5 per mille PER I POVERI per gli ultimi, per chi e' sfruttato, per difendere la vita sul tuo 730, modello Unico, metti il codice fiscale degli Amici di Lazzaro: 97610280014 ****************  

Il maligno sa che se decidi nella preghiera di cambiare vita, per lui si fa molto concreto il pericolo di perdere un’anima che ormai considera sua.

Per questo cerca in ogni modo di far rimandare il momento della decisione. Prima ti terrorizza con le difficoltà della strada da percorrere. Ti mostra le – delizie – del peccato, insinuando che non potrai mai vivere senza di esse. Quindi ti presenta la via di Dio che vorresti intraprendere come difficile, impraticabile, perfino impossibile. Ma se ti vede ugualmente deciso a cambiare vita, ecco che ti suggerisce di aspettare domani, non precipitare le cose, rifletterci sopra un momento. Guai a te se cadi nella trappola del rimandare. La decisione di cambiare vita va presa subito nel preciso istante che ti è richiesta dalla grazia e va concretizzata immediatamente in passi che sono alla tua portata e che hanno come loro sbocco naturale il sacramento della riconciliazione.

(..) Prima che possa rafforzarti sulla via del bene, il maligno prepara un assalto come forse mai avevi subito prima, con l’intenzione di riconquistare la fortezza del tuo cuore. (.) Che fare in questa situazione? Occorre resistere. La tentazione ha sempre un tempo e un’intensità oltre le quali il maligno non può andare perché Dio non glielo permette. Quando il vento infuria, è inutile cercare di procedere a viso aperto. Occorre cercare un riparo e attendere. Mentre imperversa la tentazione è necessario raccogliersi nella fede e nella preghiera cercando riparo presso il cuore di Gesù. Satana si avvicinerà con i suoi terrori, le sue paure e le sue seduzioni. Soffierà sulle passioni sanguinanti, ti spaventerà con le sue suggestioni, ti presenterà tutto il suo repertorio di false luci, con le quali ti aveva già sedotto in passato. (.) Quando il maligno cercherà di suggestionarti e di convincerti che non riuscirai a resistere a lungo senza soddisfare le tue passioni, cerca di ricordare come ti sei trovato in passato tutte le volte che satana ti aveva detto la medesima cosa. Non è forse vero che ti sei sentito ingannato e che ogni peccato a cui avevi acconsentito ti aveva lasciato l’amaro in bocca?

Raccogliti perciò in preghiera umile e incessante, e pronuncia sempre più intensamente e profondamente il tuo – rinuncio- !. (.) Inaspettatamente la bufera si placa e ti rendi conto di essere liberato da una grande impostura (.). Svanito l’assalto demoniaco, sei di nuovo avvolto dalla luce di Dio e dal suo amore. A questa vittoria ne seguiranno altre (..).

Non sarà una lotta facile. Chissà quante volte dovrai accostarti al sacramento del perdono con cuore umile e determinato, finché la tua volontà non sarà abbastanza fortificata e salda nel bene.

Non mancheranno le sconfitte, gli scoraggiamenti, la voglia di gettare la spugna e di cedere all’implacabile tentatore. Non arrenderti! Ne va della tua salvezza eterna e anche della tua vita qui sulla terra!.

Riprendi ogni giorno la lotta, con l’aiuto di Dio e il soccorso della Vergine Maria, rifugio dei peccatori. Arriveranno le prime vittorie e Dio ti farà gustare la gioia della sua presenza nel tuo cuore. Potrà ancora accadere che un assalto improvviso ti riporti in una situazione di grande pericolo e perfino di caduta: ma se avrai l’umiltà di accostarti ogni volta al confessionale per riacquistare la grazia di Dio con fermo proposito di non peccare più, il primo e più importante tratto di strada sulla via della santità e della salvezza eterna è stato percorso.

(.) Questo impegno esige una vigilanza quotidiana che dovrà accompagnarti per tutta la vita (.), la crescita nella virtù sarà il tuo impegno quotidiano fino al momento del tuo incontro finale con Cristo.

Padre Livio Fanzaga