La Sindrome del sopravvissuto da aborto o da fecondazione artificiale

sindrome-sopravvissutoUna bella mattina di primavera, una mattina come le altre, vi alzate, andate a lavoro e aprite il giornale: per uno strano caso notate una notizia che vi attira. Leggete meglio e trasecolate: il giornale riporta chiaramente che voi avete avuto un fratello che quando era molto piccolo è morto.

E nessuno ve ne aveva parlato.
Fate fatica a crederci, ma l’articolo è dettagliato, e leggendolo vi rendete anche conto che vostro fratello non è morto proprio per caso, ma che qualcuno – e proprio qualcuno cui voi volete molto bene – ha avuto a che fare con la sua morte.
Quali sentimenti genera questa scoperta, quali ambivalenze, quali conflitti o domande? Strampalata situazione? Non tanto: è quello che può succedere quando qualcuno scopre, per qualche motivo, che un suo fratellino è stato abortito.

Aiuta con un piccolo contributo
con PayPal Bancomat o Carta di credito:

Già nel 1983, lo psicologo PG Ney riportava che i sopravvissuti ad aborto possono sviluppare sentimenti di ostilità, trattenuti dalla necessità di continuare a sentirsi voluto; può essere oggetto di sovra-protezione, per i sensi di colpa dei genitori, e su di lui si possono riversare attese impossibili, se è vissuto come «figlio-sostituto».
Benoit Bayle, noto psichiatra francese, ha parlato dell’argomento in un libro: L’embrione sul lettino. Psicopatologia del concepimento umano (Koiné Edizioni).
In un’intervista (Avvenire, 22 marzo 2005) così si esprime: «Quando si impiantano tre embrioni e uno solo sopravvive; quando i biologi scongelano gli embrioni e circa il 40% di essi perisce; quando i medici praticano un “feticidio” su una gravidanza multipla.
Quando in altre parole il bambino appartiene a un gruppo di pari che è stato decimato prima della sua nascita, si osservano talvolta problemi psicologici paragonabili a quelli osservati nei sopravvissuti a catastrofi di tipo diverso.
Tali traumi si orientano in tre direzioni. L’essere umano concepito può pensare: «perché sono in vita io e non gli altri?». Inconsciamente, può provare un senso di colpa notevole. Ma può avvertire anche, a seconda delle circostanze, una sensazione di onnipotenza o di megalomania: “Sono più forte degli altri, più forte della morte”, “sono indistruttibile dal momento che sono sopravvissuto…”.
Questi sentimenti di colpa e di onnipotenza talora coesistono paradossalmente e si accompagnano ad un’esposizione al rischio, diretta (mettersi in situazioni di pericolo) o indiretta (ad esempio, sviluppando malattie psicosomatiche). ».
Insomma, cosa passa per la mente di una ragazza, di un uomo che viene a sapere che uno o più suoi fratelli concepiti con lui o prima di lui sono stati volontariamente scartati/eliminati? Possiamo solo immaginarlo, ma quello che non crediamo opportuno è disinteressarsene: la scoperta di un fatto così personale ed intimo non lascia indifferenti.

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Esistono libri per aiutare i genitori a far accettare un aborto spontaneo ai fratellini già nati (per esempio No Smile Cookies Today di K Kennedy Tapp o Molly’s Rosebush di J. Cohn), proprio perché non è un passaggio facile, che anzi potrebbe essere sbagliato censurare. Immaginiamoci allora quando l’aborto non è spontaneo, come sottolineano nel 2006 Philip Ney e collaboratori dell’Università della British Columbia, parlando chiaramente di Sindrome del sopravvissuto all’aborto, che mostra segni diversi da chi ha avuto fratelli morti per aborto spontaneo. Per questo è importante ricordarsi che il dramma dell’aborto non interessa solo le persone che direttamente lo subiscono, cioè il bimbo e la donna. E non riguarda solo la famiglia.
E’ il dramma della generazione dei nati nell’epoca in cui abortire è lecito, e che sanno che, se si fossero presentate le condizioni, avrebbe potuto succedere a loro.

Si dirà che questa è un’esagerazione e che tante coppie mai penserebbero ad abortire, ed è vero.

Ma la possibilità teorica c’è; e, anche senza saperlo, oggi quasi tutte le donne che stanno per diventare mamme vengono in contatto con esami che saggiano la «normalità del feto».
Alcuni esami sono invasivi (l’amniocentesi, per esempio), altri guardano nel sangue materno se c’è un rischio, altri infine si basano sull’esame ecografico di certe caratteristiche (per esempio la famosa «plica nucale» o l’osso nasale) per valutare il rischio di sindrome Down.
E ormai siamo diretti verso uno screening generalizzato. Insomma, chi nasce oggi sa di essere nato dopo aver superato l’esame.
Alcuni sono nati «perché» lo hanno superato, altri sarebbero nati comunque. Ma tutti hanno fatto l’esame. E questo essere esaminati non è una cosa da poco, se è il modo che la società ha, e spesso anche i genitori, per avvicinarsi la prima volta al figlio.
Passati i secoli dello stupore per una nuova vita, oggi si «accerta» la normalità e poi si «accetta» il figlio.

Ma quello che è più importante è che questo coincide con una particolarità ben nota ai sociologi: la generazione dei ragazzi di oggi viene chiamata da loro come la generazione degli «echo-boomers», nome difficile, ma che nasce dalla fusione del termine «baby-boomer» (cioè i figli del boom economico nati negli anni ’60) e del termine echo (eco) che insieme stanno a dire che questi ragazzi oggi vivono solo di riflesso dei sentimenti, delle speranze deluse, dei desideri frustrati dei loro genitori.
Non hanno più desideri propri, ma vivono per soddisfare i desideri di chi li ha messi al mondo e lasciati nascere… forse perché sanno che sono nati proprio perché hanno adempiuto da feti i desideri dei genitori.

IL TUO 5 per mille VALE MOLTISSIMO
per gli ultimi, per chi e' sfruttato, per difendere la vita
sul tuo 730, modello Unico,
scrivi il codice fiscale degli Amici di Lazzaro: 97610280014

 

Pensavamo che fosse finita l’epoca del padre-padrone, ma ora torniamo ancora più indietro.
Sia che siano sopravvissuti ad un aborto, sia che siano passati attraverso l’analisi genetica prenatale, la generazione dei nostri figli è una generazione di sopravvissuti, per accedere alla quale perlomeno ti domandano prima se hai certe caratteristiche.

L’aborto è il trauma finale, ma ci preoccupa anche l’aria che i nostri figli respirano e di cui sono ben consci: quella in cui «chi non è desiderato è indesiderabile».

Bibliografia
Benoit Bayle, L’embrione sul lettino. Psicopatologia del concepimento umano, Koiné, 2005 Carlo Valerio

Bellieni, L’alba dell’io, Società Editrice fiorentina, 2006 Philip Ney, Claudia Sheils, Marek Gajowy. Post

Abortion Survivor Syndrome (PASS): signs and symptoms, «Southern Medical Journal», 2006, 99(12):1405-1406

pubblicato sul sito del dott. C. Bellieni neonatologo presso il policlinico Le Scotte di Siena