La vedova copta che perdona lascia il mondo senza parole

Il presentatore Amr Adeeb (musulmano, molto conosciuto in Egitto)  è rimasto bloccato per 12 lunghissimi secondi, forse sarebbe rimasto anche di più se non fosse stato in televisione, avrebbe pensato a lungo a quelle parole così piene di amore, piene di desiderio Dio e di perdono.

La sua collega ad Alessandria d’Egitto stava intervistando
la moglie di Naseem Faheem, il custode della cattedrale morto nell’attentato alla Messa della Domenica delle Palme.

Aiuta con un piccolo contributo
con PayPal Bancomat o Carta di credito:

La vedova testualmente ha detto:
“Non sono arrabbiata con chi ha compiuto questo gesto, voglio dirglielo: possa Dio perdonarti. Non sei nel giusto, figlio mio, credimi, non pensi nel modo giusto. Credimi non sono arrabbiata. Lui ora non c’è più, è morto. E io chiedo a Dio di perdonarli e di aiutarli a ravvedersi. Pensateci! Pensateci! Credetemi, se ci pensassero capirebbero che non abbiamo fatto nulla di male a loro. Pensateci ancora, cosa state facendo, è giusto o sbagliato? Ripensateci ancora. Possa Dio perdonarvi e noi anche vi perdoniamo. Credetemi, vi perdono. Avete portato mio marito in un posto che non avrei mai potuto nemmeno sognare. Credetemi, sono orgogliosa di lui. E avrei voluto essere lì al suo fianco, credetemi, e ringrazio”.

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Sentendo queste parole il presentatore Adeeb e’ rimasto senza parole per 12 secondi (che in tv sono un tempo molto lungo) e ha poi ripreso con un elogio del popolo copto: “I cristiani egiziani sono fatti d’acciaio! I cristiani egiziani da 100 anni sopportano atrocità e disastri, i cristiani egiziani amano profondamente questo paese. I cristiani egiziani sopportano di tutto per la salvezza di questa nazione, ma quanto è grande la quantità di perdono che avete? Se i vostri nemici sapessero la quantità di perdono che avete per loro, non ci crederebbero”.

Poi ha continuato parlando di se stesso: “se fosse stato mio padre, non avrei mai potuto dirlo. Questa gente ha così tanto perdono…questa è la loro fede, la loro religione. Questa gente è fatta di una sostanza diversa! Possa Dio avere compassione di Naseem che è un eroe, un martire e un grande esempio per tutti noi, per tutti coloro che stanno seduti e criticano questo paese per come stanno andando le cose. Il paese va avanti con la pazienza, con la perseveranza e la resistenza di questa grande donna e dei suoi figli, in cui vive ancora il loro padre, cresciuti per essere veri uomini!”.

Il martirio dei copti e’ un richiamo non solo per i musulmani così colpiti dal perdono dei copti, ma anche a noi cattolici e cristiani occidentali. Un richiamo a credere nel Paradiso, a desiderarlo, a cercarlo sempre, amando la vita e il mondo intorno a noi.

La vedova non e’ stata neanche l’unica a perdonare, molti altri hanno perdonato e dichiarato di essere fieri di avere tra i propri cari uomini e donne che hanno dato la vita per Dio, senza odiare, senza uccidere, solo pregando e amando. Perché questo è il Paradiso, amare, pregare, vivere, gioire e perdonare.
Paolo Botti

IL TUO 5 per mille VALE MOLTISSIMO
per gli ultimi, per chi e' sfruttato, per difendere la vita
sul tuo 730, modello Unico,
scrivi il codice fiscale degli Amici di Lazzaro: 97610280014

 

QUI IL VIDEO IN ARABO (sottotitoli in inglese)