Minori e sfruttamento lavorativo

minori lavoroLa violenza sui minori non e’ solo di tipo sessuale ma consiste anche in forme di sfruttamento fisico e lavorativo, soprattutto da parte delle organizzazioni criminali. Secondo i dati dell’International Labour Organization, oggi nel modo ci sono circa 218 milioni di bambini che lavorano. Di questi, circa 126 milioni vivono in condizioni inaccettabili, sfruttati e privati della possibilità di ricevere un’educazione e una istruzione oltre che dei diritti umani fondamentali, esposti a forme di lavoro particolarmente rischiose che ne mettono in pericolo il benessere fisico, mentale e morale. Ma il dato forse peggiore, è che circa otto milioni di minori sono arruolati come bambini soldato in milizie armate.

Nonostante gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio richiedano che tutti i bambini siano in grado di completare entro il 2015 il ciclo di istruzione primaria, e che ogni diseguaglianza sociale e di genere sia abbattuta, i dati dell’ILO dicono che siamo ancora lontani dal raggiungerli. Il tasso di iscrizione alla scuola secondaria nei paesi del Sud del mondo, difatti, è appena del 32% per i ragazzi e del 26% per le ragazze. L’istruzione, laddove pienamente sostenuta, è uno dei metodi più efficaci per combattere la povertà e prevenire le situazioni di potenziale sfruttamento dei minori. Secondo le stime ufficiali, l’Asia è il continente dove il lavoro minorile non solo è numericamente maggiore ma rappresenta un vero modello produttivo. Sono più di 122 milioni i minori di età compresa fra i 5 ed i 14 anni economicamente attivi: nelle piantagioni, nelle concerie, nelle cave, nelle miniere, nelle fabbriche tessili e di giocattoli. Sempre ed assolutamente in nero. In Africa Sub-Sahariana, invece, sono circa 50 milioni i bambini della stessa fascia di età che svolgono un lavoro. 50 mila sono inoltre quelli inseriti nel mercato della prostituzione e della pornografia, mentre si stimano intorno a 120 mila i minori destinati ad imbracciare un fucile come mercenari.

I Paesi dell’America latina e dei Caraibi sono quelli dove i dati riguardanti il lavoro minorile risultano in rapida riduzione pur restando alti. In Brasile si rileva la più elevata percentuale di bambini impiegati nel settore agricolo:
oltre 2 milioni di minori tra i 5 ed i 17 anni. In Nicaragua, Honduras e Colombia il tempo dedicato ai lavori domestici incide significativamente sull’orario giornaliero dei minori tra i 5 e 14 anni, in particolare per le bambine. In Ecuador sono circa 8.000 i bambini che lavorano nelle varie attività agricole, in Perù quasi 1 milione e in Paraguay più di 90.000.

SE PUOI.... AIUTACI:

Ma è proprio in Sud America che si è sviluppato il movimento democratico, basato sull’autogestione, dei Niños y Adolescentes Trabajadores – NATs. Si tratta di un’organizzazione a più livelli dove i bambini, supportati ed accompagnati da educatori adulti che svolgono una funzione di facilitatori, operano direttamente sul territorio in difesa dei propri diritti e contro lo sfruttamento di aziende come la spagnola Zara, che in Brasile è appena finita sotto inchiesta con l’accusa di avere usato mano d’opera minorile costretta a lavorare in condizioni di schiavitù.

Sfruttamento e schiavitù, quando si riferiscono ai bambini, quasi sempre fanno rima con miseria e povertà. L’ultima fotografia scattata dalle Nazioni Unite assieme allUnicef, in tal senso, lascia poco spazio alle speranze. Proprio in America latina e nei Caraibi, la Commissione regionale del Palazzo di Vetro che si occupa di economia ha stimato in 81 milioni il numero di bambini poveri, con una negazione di diritti senza precedenti.

Secondo lo studio, i Paesi con le peggiori condizioni per l’infanzia sono Bolivia, El Salvador, Guatemala, Honduras e Perù, con quasi tre bambini su quattro che vivono in assoluta miseria. Quanto ai Paesi africani, invece, la situazione del Corno d’Africa è quella più delicata: sono 12 milioni e mezzo le persone che hanno urgente bisogno di aiuto umanitario in Somalia, Kenya, Etiopia e Gibuti. I bambini, come sempre, pagano le conseguenze più gravi dell’emergenza: 2,34 milioni risultano malnutriti, dei quali 600.000 in modo grave e dunque in immediato pericolo di vita. Se si considera l’intera Somalia, 1 milione e 850 mila bambini hanno bisogno d’assistenza immediata e oltre 780.000 sono malnutriti. Tra l’inizio del 2011 e la dichiarazione dello stato di carestia, nel Paese erano già morti più di 400 bambini, una media di 90 ogni mese, con l’86% dei decessi infantili concentrato nelle regioni centro-meridionali nonostante l’Unicef e le altre organizzazioni umanitarie avessero già curato, nello stesso periodo, oltre 100.000 bambini affetti da malnutrizione acuta, di cui è a rischio vita un bambino su 5. Nelle aree più colpite, infine, ogni 3 mesi muore il 10% dei bambini tra 0 e 5 anni.