Sofia dalla Nigeria a 17 anni

Lagos. Sofia ha 17 anni, tanti fratelli e sorelle e tanta poverta’ in casa.
Il lavoro in strada e’ duro e la “madame” e’ violenta , lavora 12-14 ore al giorno, in due posti diversi , al mattino sulle statali, di notte in citta’.
Conosce un italiano che le parla di futuro, speranza, vita nuova.. e lei fugge una volta, poi ci ripensa , la paura di ritorsioni sulla famiglia è troppa e ritorna dagli sfruttatori, così una seconda volta… ma la terza volta si decide veramente. La strada non è la sua vita. Lei è cristiana e  vuole vivere onestamente senza questa continua paura addosso, paura della polizia, della madame , dei criminali, delle malattie.
Scappa e viene accolta momentaneamente in una famiglia “aperta” ai poveri. Ora la sua vita è diversa, ha studiato l’italiano (“non era poi così difficile..ma in strada non si impara molto”), il permesso di soggiorno è arrivato , il lavoro anche, la casa c’è già….e ha ripreso a ridere di gusto, ride perchè sa che la sua giovane vita ha ancora molto davanti.
Quando ci incontriamo ci chiede se le “sisters” (le “altre amiche”) sono ancora in strada e vorrebbe venire in strada con le nostre unità di strada (associazione Amici di Lazzaro) per spronarle a scappare e aiutarle a vincere la paura. Ma non è ancora tempo di rivedere la strada, ora Sofia si merita di vivere la sua vita quotidiana senza dover rincontrare quel mondo della notte che tanto l’ha fatta soffrire. Ma ancora troppe Sofia sono in strada. Troppi i clienti che alimentano il mercato. Troppo pochi quelli che ci contattano per aiutarle.
Troppo quieto il nostro vivere di fronte alle nuove schiave del Terzo Millennio.
Ma abbiamo fiducia. Ci sono anche tanti giovani e famiglie e persone di buona volontà che si offrono di fare qualcosa di sostenerci e sostenere queste nostre sorelle che vivono ferite nella dignità e nei loro diritti più elementari.
Si sa …la Prostituzione è la schiavitù più vecchia del mondoanche il mondo cambia e noi cerchiamo di cambiare il mondo nel nostro piccolo…cominciando da Sofia, da Vera e dalle nostre amiche e da chi conosciamo. Ognuno faccia ciò che può. E’ già molto.
Per aiutare una donna o sostenerci, puoi contattarci e incontrarci su appuntamento:  tel. 340 4817498   info@amicidilazzaro.it

SE PUOI.... AIUTACI: