Archivi tag: Aldo Trento

«Ero muto e sono tornato a parlare». Storia di Tomás, malato di Aids

Alla Casa Divina Providencia il Signore ci sorprende spesso con miracoli che sono l’evidenza della Sua infinita misericordia. Riporto di seguito un dialogo molto toccante con Tomás, un paziente di 37 anni, e sua madre, Lidia. Un amore grande tra madre e figlio che trascende la sofferenza della croce e tocca con mano la speranza … Continua la lettura di «Ero muto e sono tornato a parlare». Storia di Tomás, malato di Aids

La luna di miele dei due folli sposini nella mia clinica ad Asunción

Questa storia è un esempio semplice di santità perché si tratta di due giovani appeno sposati che decidono di fare la luna di miele in un ospedale per ammalati terminali. Hanno appena detto “sì”, salutato parenti ed amici e già corrono all’aeroporto per prendere l’aereo che li porterà in Paraguay. Una pazzia? Per chi non … Continua la lettura di La luna di miele dei due folli sposini nella mia clinica ad Asunción

La forza di Analía, 17 anni e due figli frutto della violenza. Ma nessun rancore

Analía è una ragazza della Casa di Chiquitunga (la struttura dove vivono le ragazze madri, vittime della violenza), viene da Ñemby, a 20 chilometri da Asunción, ed è la maggiore di sette fratelli. Ha 17 anni e due bambini, Kiara di 2 anni e Lucas, 8 mesi, affetto da microcefalia. Poche settimane fa Lucas ha … Continua la lettura di La forza di Analía, 17 anni e due figli frutto della violenza. Ma nessun rancore

Cosa farebbe il Papa trovando sull’uscio un mendicante ubriaco?

Sono passati alcuni anni da quando papa Francesco è venuto in Paraguay. Sorprendendo tutti, in particolare il mondo clericale, è venuto ad incontrare i pazienti della clinica Casa Divina Provvidenza intitolata a Luigi Giussani, dove si trovavano anche gli ospiti delle altre opere della Fundacion San Rafael. Non è venuto a visitare la parrocchia, ma … Continua la lettura di Cosa farebbe il Papa trovando sull’uscio un mendicante ubriaco?

Aldo Trento: alla fattoria San Padre Pio, tra piante fiori e l’omelia degli uccellini.

La fattoria “San Padre Pio” situata nella valle Yoa, sul confine tra i dipartimenti Central e Paraguarí, ha costituito per me un punto di riferimento fondamentale nella mia lunga permanenza in Paraguay. Alberi centenari, canneti, pascoli. Animali grandi e piccoli, con i concerti degli uccellini che all’alba e all’imbrunire incantano le persone che li ascoltano. … Continua la lettura di Aldo Trento: alla fattoria San Padre Pio, tra piante fiori e l’omelia degli uccellini.

Non sono venuto qui per fare la missione ma per non perdere la persona amata

Se le circostanze sono il modo attraverso cui il Mistero ci parla… che fare? Mettere fine a questa relazione che mi causa sofferenza, ma che è anche motivo di vita piena e possibilità di percorrere il cammino iniziato? Dovrei rimanere nella fatica e vedere dove mi conduce? Chissà quante lettere come la mia avrà ricevuto… … Continua la lettura di Non sono venuto qui per fare la missione ma per non perdere la persona amata

Aldo Trento: Se la nostra fede fosse davvero una vita, il Paraguay non sarebbe il paese miserabile che è.

Recentemente un amico sacerdote mi ha detto che il giorno della festa della Divina Misericordia nella sua parrocchia 9.000 persone hanno partecipato alla santa Messa. Un altro, che durante la Settimana Santa, quasi tutto il Paraguay si è fermato e una grande folla ha partecipato alla liturgia del Triduo pasquale. Notizie splendide, una grazia unica! … Continua la lettura di Aldo Trento: Se la nostra fede fosse davvero una vita, il Paraguay non sarebbe il paese miserabile che è.

L’adultera “adolescente” e la fidanzata scaricata da un futuro prete

Caro padre Aldo, quattordici anni fa avevo un ragazzo che mi lasciò dopo un anno e mezzo per «passare più tempo con Gesù, con il prete della mia parrocchia, con i miei amici». Un anno dopo seppi che era entrato in seminario, e ora è prete. Soffersi tantissimo perché per me fu uno strappo disumano. … Continua la lettura di L’adultera “adolescente” e la fidanzata scaricata da un futuro prete

San Giovanni di Dio innamorato di Cristo e rinchiuso in manicomio

L’8 marzo la Chiesa ricorda san Giovanni di Dio, fondatore di un ordine ospedaliero chiamato comunemente Fatebenefratelli. Giovanni nacque in Portogallo nel 1495. Dopo una vita avventurosa e piena di pericoli trascorsa nell’esercito, il suo desiderio di perfezione lo portò a donarsi totalmente al servizio dei malati. Il suo amore a Dio e al prossimo … Continua la lettura di San Giovanni di Dio innamorato di Cristo e rinchiuso in manicomio

Rubo e rapino le persone per strada. Vorrei confessarmi….

Un giorno mentre  stavo riposando suona il telefono. Era sorella Sonia che mi cercava perché un  giovane voleva parlarmi. Scendo le scale e me lo trovo davanti. Lo saluto  dandogli la mano. «Padre, la mia professione è quella di rubare e rapinare le  persone per la strada. Mi aiuti a uscire dall’inferno in cui vivo. … Continua la lettura di Rubo e rapino le persone per strada. Vorrei confessarmi….

La fedeltà di Dio è l’amico che viene a vivere con me

Il cristianesimo è un’amicizia con Cristo e con tutti noi che siamo stati afferrati da Lui. Un’amicizia che ha come fine ultimo quello di comunicare al mondo intero la Sua tenerezza piena di misericordia, ragione per la quale Dio si è fatto carne. Molte volte mi chiedo: perché il Mistero ha scelto me e mi … Continua la lettura di La fedeltà di Dio è l’amico che viene a vivere con me

L’ordine serve per tenere gli occhi fissi su Gesù

Don Carrón ripete spesso: «Non aspettatevi un miracolo, ma un cammino». Capiamo cosa voglia dire Cristo se nel tempo riusciamo a percepire correttamente la realtà, la verità che essa racchiude e proclama, come luogo in cui si rivela la Sua presenza. Il cammino educativo che viene proposto a San Rafael vuole far conoscere Cristo, che … Continua la lettura di L’ordine serve per tenere gli occhi fissi su Gesù

In lavanderia e in mezzo ai malati. Quando il lavoro è amare Cristo.

Ogni giorno il Signore mi dà la grazia di convivere con persone per cui il rapporto con Cristo è l’unica ragion di vita. Persone semplici, a volte analfabete, che testimoniano come sia possibile, e allo stesso tempo bello, vivere il cristianesimo dentro tutte le circostanze della vita. Vi propongo la storia quotidiana di due donne … Continua la lettura di In lavanderia e in mezzo ai malati. Quando il lavoro è amare Cristo.

La confessione non è condanna ma nuova speranza

Mentre mi trovavo in Italia, volendo confessarmi, ho chiesto agli amici della Brianza se ci fosse un prete disponibile, magari anziano. Così mi hanno portato da don Pasquale. «Chi è don Pasquale?», ho domandato. E mi è stato risposto che è un sacerdote sugli 80 anni, che vive a Bernareggio e dice Messa ogni giorno … Continua la lettura di La confessione non è condanna ma nuova speranza

Il Signore non è sconfitto dalle nostre sconfitte

Attraverso i volti che ci donano la certezza di Cristo e che ci confermano che la fede è utile per testimoniare la vera gioia, incontriamo testimoni di un amore eterno che ha pietà del nostro niente. Queste persone hanno vissuto drammi indescrivibili, hanno abbandonato Dio per altri idoli, hanno sofferto fino in fondo il vuoto … Continua la lettura di Il Signore non è sconfitto dalle nostre sconfitte

Sono i dettagli che rendono bella la vita. In ogni tipo di lavoro

Erano le 23.30, mentre facevo il mio esame di coscienza inginocchiato davanti alla bella immagine del Crocifisso della mia stanza, mi sono venute in mente, ripensando alle molte ore in cui sono stato impegnato nel mio lavoro, alcune cose che avevo visto e che cercherò di sintetizzare in questo scritto. Qualcuno dirà: padre Aldo, il … Continua la lettura di Sono i dettagli che rendono bella la vita. In ogni tipo di lavoro

Devi essere contento quando piove, mi disse il paralitico

Caro padre Aldo, ho 22 anni e da circa uno sono in psicoterapia. Sono rimasta stupita dall’incontro che lei ha fatto in università. In particolare mi ha colpita come un dolore immenso, che le si legge in faccia, possa convivere con una profonda certezza. Sembrava una cosa incomprensibile, invece mi sono trovata a sperimentarlo negli … Continua la lettura di Devi essere contento quando piove, mi disse il paralitico

«Padre, le chiedo questa carità: mi voglia bene»

Alcuni giorni fa mi ha colpito una frase di Chesterton: «Colui che è convinto di essere in buona salute è l’unico veramente ammalato». Nel testo latino del Credo la liturgia mette sulle nostre labbra: «Propter nos homines et propter nostram salutem descendit de Caelis». La traduzione italiana sostituisce il sostantivo “salutem” con “salvezza”, mentre per … Continua la lettura di «Padre, le chiedo questa carità: mi voglia bene»

Tutto, perfino un omicidio, può essere perdonato

In un mondo in cui la realtà è manipolata o ridotta a propria immagine, ai propri progetti, è inevitabile la disperazione che vive la maggior parte degli uomini. Tutti i giorni ricevo mail di persone che chiedono, gridano aiuto. La risposta non può essere ridotta a parole già confezionate o a una ricetta – come … Continua la lettura di Tutto, perfino un omicidio, può essere perdonato

Cosa serve a Gesù per essere più accattivante? Non basta la sua croce?

Carissimo padre Aldo, ti scrivo innanzitutto per salutarti, da parte mia e di tutti i miei bambini: ogni mattina la loro preghiera è per te e per i tuoi “figli”. Voglio raccontarti come nella mia esperienza ho potuto verificare quello che tu dici riguardo al fatto che nessuno è determinato dai suoi antecedenti biologici, ereditari … Continua la lettura di Cosa serve a Gesù per essere più accattivante? Non basta la sua croce?