Archivi tag: cristiani

Otranto. 800 cristiani uccisi dai dai Turchi in odio alla fede (1 parte)

Finalmente, a 250 anni dalla beatificazione , è stato confermato il martirio di Antonio Primaldo e Compagni, avvenuto 500 anni fa sotto le scimitarre musulmane turche. I martiri di Otranto sono stati proclamati santi solo nel 2013. La promulgazione del Decreto riguardante il martirio Benedetto XVI ha autorizzato la Congregazione a promulgare dei Decreti tra … Continua la lettura di Otranto. 800 cristiani uccisi dai dai Turchi in odio alla fede (1 parte)

Otranto. 800 cristiani uccisi dai dai Turchi in odio alla fede (3 parte)

TORNA ALLA SECONDA PARTE   L’obiettivo del califfo Maometto II era di conquistare Roma, dopo aver gia’ preso Costantinopoli. Lo fermarono dei cristiani pronti a difendere la fede col sangue Si legge nel Martirologio Romano, cioè nel calendario liturgico dei santi e beati aggiornato a norma dei decreti del Concilio Vaticano II e promulgato da … Continua la lettura di Otranto. 800 cristiani uccisi dai dai Turchi in odio alla fede (3 parte)

Saranno i laici cristiani semplici (Maritain scrive a Paolo VI)

“Saranno soprattutto i laici cristiani “semplici”, con la loro vita familiare e di lavoro, con la loro amicizia, la loro cultura e spiritualità, a rendere presente il Vangelo nel mondo futuro. Se nei secoli antichi furono i monasteri a tener vivo il seme del cristianesimo e della cultura in un mondo ostile e imbarbarito, domani … Continua la lettura di Saranno i laici cristiani semplici (Maritain scrive a Paolo VI)

Josef Mayr-Nusser, obiettore di coscienza e martire contro il nazismo

Il bolzanino Josef Mayr-Nusser era un semplice impiegato, padre di famiglia e cristiano fervente, il quale, durante gli anni della seconda guerra mondiale, quando i nazisti pretesero che giurasse fedeltà a Hitler, oppose un categorico no per restare fedele all’ideale che da sempre portava nel cuore: dare testimonianza al Vangelo (1). E fino alla morte … Continua la lettura di Josef Mayr-Nusser, obiettore di coscienza e martire contro il nazismo

I santi sanno ridere

Pubblichiamo uno stralcio del libro di Ferdinando Castelli All’uscita del tunnel. Panoramiche religiose dell’odierna letteratura (Città del Vaticano, Libreria editrice vaticana, 2009, pagine 214, euro 16) di Ferdinando Castelli “La letteratura antica non conosce – questo è caratteristico – l’umorismo, ma solo il comico: l’umorismo è serbato al cristiano quale espressione della sua nuova libertà, … Continua la lettura di I santi sanno ridere

La mia patria è l’Occidente

Nata in Pakistan nel 1982, all’eta’ di dieci anni Sabatina James si trasferi’ con la famiglia, musulmana, a Linz, in Austria. Al ginnasio per Sabatina l’integrazione fu rapida, e tuttavia problematica. Subito si scatenò il conflitto tra le imposizioni dell’islam, così come le viveva tra le mura di casa, e la sua aspirazione alla libertà … Continua la lettura di La mia patria è l’Occidente

Cristiani in Turchia, una vita difficile

Benedetta, 30 anni: «Mi sono convertita e non ho nessun rimpianto della mia religione precedente, ma ho dovuto rompere i rapporti con tutti i miei parenti che ora non mi parlano più» Non c’è pena di morte per chi lascia l’islam, ma chi non è musulmano vive emarginato . Essere cristiani in Turchia: una sfida … Continua la lettura di Cristiani in Turchia, una vita difficile

Cisgiordania – Joseph, il convertito che insegna ad amare i nemici

Fino a quattro anni fa il suo nome era Masab, poi è stato battezzato come Joseph. Il suo cognome resta Hassan, che in Cisgiordania indica il leader di Hamas. Joseph è il figlio più grande di Hassan Yousef, una delle figure più rispettate di Hamas. Joseph ha 30 anni e risiede in California, dovesi è … Continua la lettura di Cisgiordania – Joseph, il convertito che insegna ad amare i nemici

Mi chiamavo Amahd ora sono Cristiano

Mi chiamavo Amahd Ora sono Cristiano «Chi sono io? Ero Ali’ ho 22 anni. Il mio paese? Era l’Afghanistan. Dove quelli come me venivano perseguitati dai sunniti pashtun. Sono arrivato in Italia e da questa Pasqua urlo al mondo che non ho più paura. La mia nuova vita mi ha regalato la libertà» Questa è … Continua la lettura di Mi chiamavo Amahd ora sono Cristiano

Musulmani convertiti al cristianesimo chiedono liberta’ religiosa

 L’appello, firmato da 144 persone, domanda agli esperti del dialogo di non dimenticare la difficile situazione dei cristiani, trattati come “degli esclusi e come dei paria”. Fra le richieste più urgenti, la garanzia di libertà a cambiare religione. Un gruppo di 144 cristiani, di cui 77 musulmani convertiti al cristianesimo, ha lanciato un appello agli … Continua la lettura di Musulmani convertiti al cristianesimo chiedono liberta’ religiosa

Potevano convertirsi all’Islam e aver salva la vita, ma hanno scelto Gesu’

Il vescovo di Samalout, dove verra’ costruita una chiesa in onore dei 21 cristiani egiziani uccisi in Libia dall’Isis, racconta la loro storia   L’immagine dei 21 cristiani decapitati in Libia dai terroristi dell’Isis, nel febbraio scorso, e’ rimasta impressa nella memoria degli egiziani. Nessuno, in particolare i cristiani del Paese nord-africano, potra’ mai dimenticare … Continua la lettura di Potevano convertirsi all’Islam e aver salva la vita, ma hanno scelto Gesu’

Liberta’ religiosa (da Caritas in Veritas – Carita’ nella Verita’) Benedetto XVI

29. C’e’ un altro aspetto della vita di oggi, collegato in modo molto stretto con lo sviluppo: la negazione del diritto alla liberta’ religiosa. Non mi riferisco solo alle lotte e ai conflitti che nel mondo ancora si combattono per motivazioni religiose, anche se talvolta quella religiosa e’ solo la copertura di ragioni di altro … Continua la lettura di Liberta’ religiosa (da Caritas in Veritas – Carita’ nella Verita’) Benedetto XVI

Armeni, la voce araba del genocidio

C’è perfino chi dice che non è mai esistito. Troppo a favore degli armeni, in ogni dettaglio, per essere vero. Eppure sulla vita di Fayez el-Ghossein abbondano le testimonianze storiche. Fu un personaggio di rilievo nella turbolenta e intricata politica del Medio Oriente tra le due guerre: Lawrence d’Arabia lo cita ne I sette pilastri … Continua la lettura di Armeni, la voce araba del genocidio

Si sposano come tutti e generano figli, ma non gettano i neonati

1. I cristiani né per regione, né per voce, né per costumi sono da distinguere dagli altri uomini. 2. Infatti, non abitano citta’ proprie, né usano un gergo che si differenzia, né conducono un genere di vita speciale. 3. La loro dottrina non è nella scoperta del pensiero di uomini multiformi, né essi aderiscono ad … Continua la lettura di Si sposano come tutti e generano figli, ma non gettano i neonati

Lascio la mia casa per la guerra. Non lascio la fede e la speranza.

Siamo una famiglia piccola, due belle figlie: Myriam e Joëlle. Vivevamo in una piccola casa del quartiere di Djabal el Saydeh, la “collina di Notre Dame”. Come molti dei nostri vicini, avevamo sempre sognato di avere questa piccola casa. Eravamo felici, la felicità di vivere in una casa. Un giorno dell’estate del 2012, ci siamo … Continua la lettura di Lascio la mia casa per la guerra. Non lascio la fede e la speranza.

La prima struttura del Catecumenato (4/16)

IL CATECUMENATO SI STRUTTURA DALL’INTERNO (II° e III° secolo) Con alcuni esempi chiave tratti dalle testimonianze del tempo cercheremo di vedere come l’accesso al battesimo e quindi alla vita in pienezza in seno alla Chiesa si struttura e si articola. Dobbiamo, innanzitutto, considerare che in questo tempo, fino al 313, la Chiesa vive in un … Continua la lettura di La prima struttura del Catecumenato (4/16)

Catecumenato. Le pratiche ebraiche ed essene (3/16)

Essenismo Le ragioni di un’influenza essena, attorno al I° secolo, sul cristianesimo sono da ricondursi al fatto che molti esseni si sono convertiti a Cristo dopo la catastrofe del 70, trasmettendo così alla Chiesa che andava allora strutturandosi, alcuni principi di organizzazione propri della loro comunità. Ci sono infatti analogie soprendenti tra le tappe dell’iniziazione … Continua la lettura di Catecumenato. Le pratiche ebraiche ed essene (3/16)

Sacerdote a Erbil: peggiorano le condizioni dei profughi di Mosul, senza casa né lavoro

Erbil (AsiaNews) – Molte famiglie cristiane non riescono a pagare l’affitto e “devono abbandonare le case” per rientrare “nelle tende e nei caravan”. Il lavoro “scarseggia” e quanti hanno avuto sinora un impiego, nella maggior parte dei casi “non ricevono lo stipendio”; solo di recente “almeno 250 compagnie sono fallite o hanno dovuto licenziare tutti … Continua la lettura di Sacerdote a Erbil: peggiorano le condizioni dei profughi di Mosul, senza casa né lavoro

Accadde davvero un 25 dicembre

Il Ferragosto non è così lontano ed io devo fare ammenda. Succede, infatti, che in un momento di malumore  e proprio su questo giornale  abbia auspicato che la Chiesa si decida a una modifica del calendario: spostare al 15 di agosto quel che celebra il 25 di dicembre. Un Natale nel deserto estivo, argomentavo, ci … Continua la lettura di Accadde davvero un 25 dicembre

Quando il condannato a morte si converte

Occorrono prudenza e pudore per avvicinarsi alla mente e al cuore di Santa Caterina da Siene, grande mistica del Trecento. Troppo facile trascinarla sul lettino dello psicanalista e suggerire noi stessi le risposte alle nostre domande. A cinque anni, Caterina, figlia del tintore Jacopo Benin casa, aveva avuto la prima visione: Cristo in abiti pontificali le … Continua la lettura di Quando il condannato a morte si converte