bioetica e vita

Mia figlia mi costringe a dire che non so

Io non so che cosa accade in lei. Non posso saperlo. Sophie Chevillard Lutz parla della figlia Philippine, ha dodici anni e un handicap mentale molto grave. «Io non capisco quello che lei è». Poi […]

bioetica e vita

Margherita, 4 ore di vita piene di amore

Tutto al giorno d’oggi tende a diventare più veloce, quasi a voler togliere il tempo necessario affinché noi, medici e pazienti, possiamo prendere coscienza della ferita che sorge nell’istante della morte. Perché avviene questo? Perché […]

bioetica e vita

Con l’eutanasia si va verso lʼabbandono terapeutico

Il 30 gennaio approderà in aula alla Camera il testo unificato sulle direttive anticipate di trattamento. La proposta di legge mira a evitare incertezze interpretative e conseguenti responsabilità del medico nei casi di rifiuto della […]

bioetica e vita

Nessun aborto può mai essere «terapeutico»

In casi di anomalie congenite o di malformazioni, la sola verità che bisogna affermare è che “eliminare” il bambino malato non significa eliminare la sofferenza della donna, della coppia, della famiglia. Questo dato non è […]

bioetica e vita

La felicità in un rivolo di bava

Il bambino ha sette anni e ogni tanto lacrima. Non piange, dicono al terzo piano: lacrima. Pochi passi avanti, la vita di un uomo in un corpo avvitato come un rovo da una meningite tubercolare […]

bioetica e vita

Cure palliative: un sollievo nella sofferenza

Prendersi cura di un bambino colpito da una malattia grave può significare non solo aiutare a curare la malattia, ma anche alleviare le sue sofferenze e quelle dei familiari. Ma qual è la motivazione che […]

bioetica e vita

Eutanasia non e’ autonomia – Jane Campbell, disabile

Abbiamo bisogno della morte di stato on demand? La risposta viene dalla baronessa Jane Campbell de Surbiton. Oggi cinquantacinquenne, a un anno le fu diagnosticata un’atrofia muscolare spinale che, secondo i medici, l’avrebbe condotta alla […]