Archivi tag: Rino Camilleri

Storia. Nascita del Medioevo (6)

Senza le legioni a garantire l’ordine pubblico e a tenere a bada i barbari che premevano ai confini l’Europa sprofondò nel caos. Proprio da questo caos nacque, in modo del tutto naturale, quello che chiamiamo con termine improprio Medioevo (infatti sarebbe più appropriato chiamarlo Cristianità). In una situazione di estrema insicurezza è istintivo cercare di … Continua la lettura di Storia. Nascita del Medioevo (6)

Storia. La democrazia antica (3)

La democrazia antica non ha nulla a che vedere con quella moderna. Nell’Atene di Pericle votavano solo i cittadini maschi e liberi che pagavano le tasse, in base al principio che solo chi sovvenzionava la cosa pubblica aveva il diritto di metterci bocca. Non solo. Si trattava di una comunità di poche migliaia di anime, … Continua la lettura di Storia. La democrazia antica (3)

Storia. L’Inquisizione (16)

E’ più corretto parlare di Inquisizioni, al plurale, perché questa istituzione ecclesiastica fu molto diversificata, a seconda dei tempi e dei luoghi. Così abbiamo l’Inquisizione medievale, quella spagnola, quella Romana (Sant’Uffizio), quelle laiche e quelle protestanti. La prima nacque di fronte a un problema preciso: l’ eresia catara. In verità i catari, o neo-manichei, professavano … Continua la lettura di Storia. L’Inquisizione (16)

Storia. Il mondo prima e dopo Roma (1)

La civiltà prima di Roma presenta, grosso modo, la situazione seguente: a) imperi mesopotamici e mediorientali (Assiri, Babilonesi, Caldei, Ittiti, etc.); b) Egitto faraonico; c) città-stato greche; d) barbari; e) popoli e civiltà indiane e cinesi; f) popoli e civiltà precolombiane (forse, ma si sa poco); g) regni e popolazioni tribali africani. Giustamente i manuali … Continua la lettura di Storia. Il mondo prima e dopo Roma (1)

Storia. L’Inquisizione spagnola (17)

Su questo tema, la fantasia si è scatenata. Ma è appunto fantasia, come ne il pozzo e il pendolo di Edgar A. Poe. Nel 1492, anno dell’impresa di Colombo, la Spagna, riunificatasi col matrimonio tra Isabella di Castiglia e Ferdinando d’Aragona, era riuscita a portare a termine la plurisecolare opera di riconquista del paese ai … Continua la lettura di Storia. L’Inquisizione spagnola (17)

La Messa dove l’hai messa ?

Un commento ironicamente acido per criticare le nostre (noi cattolici) mancanze nel vivere la Messa. Da leggere per riflettere e aiutare i nostri pastori (con fede). L’altra domenica, nella chiesa dove vado di solito, agli annunci finali il prete si è scusato. Si era dimenticato di dire un pezzo della messa. Era troppo intento a dare … Continua la lettura di La Messa dove l’hai messa ?

Tutte le guerre di Maometto e dei suoi figli

In una settantina d’anni dalla morte di Maometto l’islam si estendeva dall’Armenia all’Atlantico e si apprestava ad attaccare l’Europa cominciando dalla penisola iberica. Come si spiega questa incredibile avanzata che aveva fatto in così breve tempo tabula rasa di superbe civiltà quale l’intera Africa romana? In modo molto più semplice di quanto si possa pensare. … Continua la lettura di Tutte le guerre di Maometto e dei suoi figli

La resistenza dimenticata dei samurai cristiani

Giappone, anno 1637: guidati da Amakusa Shiro, un samurai di 16 anni, cinquantamila cattolici resistono eroicamente nel castello di Hara per tre mesi all’assedio dell’esercito imperiale. Non sopravviverà nessuno. In Occidente nessuno sa praticamente nulla della storia del cristianesimo giapponese. Neanche i cristiani e, figurarsi, i cattolici (sebbene il cristianesimo giapponese coincida quasi interamente col … Continua la lettura di La resistenza dimenticata dei samurai cristiani

Inquisizione: troppe fiction e pochi dati storici reali

Gothic, horror, noir e tante streghe: ecco gli ingredienti per avere successo quando si scrive di Inquisizione. O per farci dei film di cassetta. Con buona pace della storia. Quella vera. Se volessimo proporre a un produttore un film davvero originale e controcorrente sull’inquisizione, detto produttore ci darebbe dei pazzi perché lui non ha certo … Continua la lettura di Inquisizione: troppe fiction e pochi dati storici reali

Storia. Il cosiddetto Risorgimento (28)

La liberazione dallo “straniero” austriaco era la cosa che interessava meno alla casta liberal-massonica che teneva Carlo Alberto praticamente in pugno. La Massoneria, a quel tempo fanaticamente anticattolica (ricordiamo che era stata trapiantata in Italia dai rivoluzionari francesi) teneva soprattutto a distruggere l’Austria “papista”. Nel Sudamerica, con la complicità interessata degli Usa, aveva promosso una … Continua la lettura di Storia. Il cosiddetto Risorgimento (28)

Storia. Umanesimo e Rinascimento (19)

Con la fine dell’anarchia feudale e l’avvento dei regni unitari (Francia, Inghilterra, Spagna) la situazione di endemica insicurezza cedette il posto a relativa pace e tranquillità di comunicazioni. La rivoluzione industriale medievale poté così esplodere in traffici, commerci e viaggi (di pellegrinaggio, di studio, di affari). L’aumentato benessere fece crescere la popolazione e sorsero i … Continua la lettura di Storia. Umanesimo e Rinascimento (19)

Storia. La seconda guerra mondiale (36)

L’Italia fu praticamente spinta tra le braccia di Hitler dalla miopia delle democrazie occidentali. La questione africana era per l’Italia di vitale importanza, ma Inghilterra e Francia (che, con gli Stati Uniti, praticamente egemonizzavano la Società delle Nazioni), gelose dei rispettivi interessi, ne ostacolarono in tutti i modi l’espansione nel continente nero. L’Italia procedette unilateralmente … Continua la lettura di Storia. La seconda guerra mondiale (36)

Storia. La guerra di Spagna (35)

La moda “fascista” dilagò in molti paesi europei Bulgaria, Romania, Portogallo e altri si diedero regimi del genere. Intanto Hitler si riappropriava dei bacini carboniferi della Ruhr e della Saar e dichiarava che la Germania avrebbe cessato di pagare i debiti di guerra. Nel frattempo avviava trattative con l’Urss. Si dimentica che è sempre la … Continua la lettura di Storia. La guerra di Spagna (35)

Storia. Il famoso Novecento (30)

II ventesimo secolo ha fatto più morti ammazzati di tutte le guerre precedenti, dall’età della pietra (se mai c’è stata) in poi. Esso si aprì con una specie di euforia per il Progresso, per il Futuro, che sarebbe stato sicuramente meraviglioso perché illuminato dalla Scienza. Esposizioni Universali e Balli Excelsior punteggiavano quella che si autodefiniva … Continua la lettura di Storia. Il famoso Novecento (30)

Storia. Il colonialismo (29)

L’ultima parte del secolo scorso vide l’affermarsi delle colonie in Africa e in Asia. Protagonista assoluta l’Inghilterra. Costrinse l’impero cinese, con le armi, ad acquistare per forza l’oppio che essa commerciava. Questo produsse sentimenti xenofobi che culminarono nella lotta clandestina a tutto ciò che era europeo. Ne fecero le spese i missionari e i cattolici … Continua la lettura di Storia. Il colonialismo (29)

Storia. Le insorgenze e la Restaurazione (26)

A questo punto accadde una cosa mai vista. I popoli d’Europa, cioè i civili e la gente comune, si sollevarono spontaneamente contro i Francesi. Si tenga presente che, prima, le guerre avevano riguardato solo i militari e si erano risolte o con un cambiamento dinastico o con qualche aggiustamento di confini. Gli Italiani, per esempio, … Continua la lettura di Storia. Le insorgenze e la Restaurazione (26)

Storia. Il martirio del Messico (34)

Nel 1926 il Messico cattolico insorgeva in armi contro il governo massonico e laicista appoggiato dagli Stati Uniti. La guerra civile terminava nel 1929 con la totale disfatta degli insorti. I manuali di storia amano insistere, per motivi ideologici, solo su alcune stragi. I “martiri” sarebbero dunque solo quelli che, per certi faziosi manualisti, sono … Continua la lettura di Storia. Il martirio del Messico (34)

Storia. Il dopoguerra della prima mondiale (33)

Con il cinema l’americanismo invadeva l’Europa. Le donne accorciavano i vestiti, tagliavano corti i capelli, guidavano l’aereo e l’auto. L’uomo dinamico e di successo, l’attore, l’affarista diventavano i modelli da imitare. La vita si democratizzava e diventava di massa, così come i modi e il linguaggio. Il mare, prima riservato ai malati, si trasformava in … Continua la lettura di Storia. Il dopoguerra della prima mondiale (33)

Storia. La cosiddetta Rivoluzione sovietica (32)

Come ha ricordato Solgenitsin l’impero zarista era economicamente florido, non aveva praticamente deficit né debito pubblico e i prigionieri politici in Siberia erano in numero molto inferiore a quello poi propagandato dal regime comunista. Il paternalismo zarista, anzi, faceva sì che i più venissero graziati. E si trattava in genere di terroristi nichilisti, decabristi, radicali, … Continua la lettura di Storia. La cosiddetta Rivoluzione sovietica (32)

Storia. La Grande Guerra (31)

Tutto cominciò, com’è noto, con l’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando e di sua moglie a Sarajevo. Non era la prima volta che una testa coronata cadeva sotto i colpi di attentati, ma questa scatenò una guerra mai vista. Perché? Innanzitutto si trattava dell’erede al trono austroungarico, e Francesco Giuseppe era molto vecchio. In più l’arciduca era … Continua la lettura di Storia. La Grande Guerra (31)

Storia. La Guerra di Secessione (27)

Gli Stati Uniti nel frattempo si liberavano del “problema” indiano e iniziavano la loro ascesa economica. Con una tattica che poi Garibaldi userà nella spedizione dei Mille, quella cioè dei corpi di volontari “liberatori”, si impadronirono della California, del Texas e di tutti gli stati appartenenti al Messico. Parliamo un attimo del Texas, su cui, … Continua la lettura di Storia. La Guerra di Secessione (27)

Storia. Effetti della Rivoluzione Francese (25)

Servendosi del segreto delle logge massoniche, nonché della loro efficiente rete di collegamenti su tutto il territorio, i club riuscirono a prendere il potere in Francia. Si trattò di un vero e proprio colpo di Stato operato da soli seimilacinquecento uomini circa. Avendo ormai la monarchia accentrato tutti i suoi pur scarsi poteri a Parigi … Continua la lettura di Storia. Effetti della Rivoluzione Francese (25)

Storia. Nascita della Massoneria (23)

Il 24 giugno 1717, festa di san Giovanni Battista nonché equinozio estivo, a Londra veniva creata la Massoneria moderna o “speculativa”. Si tratta di un fenomeno della più grande importanza per il mondo moderno: merita un cenno a parte. Il termine si rifà alle corporazioni dei costruttori medievali, muratori in italiano, maçons in francese e … Continua la lettura di Storia. Nascita della Massoneria (23)

Storia. L’illuminismo e la cosiddetta Rivoluzione americana (24)

Abbiamo detto la “cosiddetta” Rivoluzione americana, culminata nella Dichiarazione d’Indipendenza del 4 luglio 1776, perché si trattò in realtà di una guerra d’indipendenza delle colonie d’America contro l’Inghilterra, guerra scoppiata soprattutto per motivi fiscali. Le colonie chiedevano semmai una “restaurazione” dei loro antichi diritti. Poiché, però, Franklin, Washington, Jefferson e gli altri “padri” degli Stati … Continua la lettura di Storia. L’illuminismo e la cosiddetta Rivoluzione americana (24)

Storia. Le monarchie assolute (22)

C’è chi ancora sostiene che la rivoluzione protestante abbia aperto la via alla “libertà”. E’ vero l’esatto contrario. Spezzato il monopolio romano sulla religione il compromesso “cuius regio eius religio” consegnò le varie chiese, ormai “nazionali”, al potere civile. I re, ormai, non riconoscevano più l’autorità morale del Papa. Dunque su di loro adesso c’era … Continua la lettura di Storia. Le monarchie assolute (22)

Storia. Il Nuovo Mondo (20)

Cristoforo Colombo, il più grande navigatore di tutti i tempi, era un uomo religiosissimo (ma conviveva more uxorio, come del resto Galileo; questo serva a chiarire che il puritanesimo sessuale non fu mai di casa in ambiente cattolico). Il motivo per cui voleva andare nelle Indie passando dall’oceano è specificato nel suo testamento, nel quale … Continua la lettura di Storia. Il Nuovo Mondo (20)

Storia. Il Sant’Uffizio (Galileo, Bruno e Campanella) (18)

L’Inquisizione Romana, o Sant’Uffizio, nacque per rispondere alla sfida luterana. Essa fu centralizzata a Roma e affidata ai cardinali. Santi come Pio V (il papa della battaglia di Lepanto) furono inquisitori. Il Sant’Uffizio evitò all’Italia la caccia alle streghe e le guerre di religione. Il periodo della Controriforma, contrariamente a quanto molti sostengono, fu un’epoca … Continua la lettura di Storia. Il Sant’Uffizio (Galileo, Bruno e Campanella) (18)

Storia. La cosiddetta Riforma (21)

Lutero era un monaco agostiniano (entrato in monastero per sfuggire a una vendetta privata) che trasse pretesto da una pretesa “corruzione” della chiesa per fondare una religione completamente nuova. Per questo è inesatto parlare di “Riforma”. Infatti se il problema fosse stato davvero costituito dalla vendita delle indulgenze, delle cariche ecclesiastiche e dalla non osservanza … Continua la lettura di Storia. La cosiddetta Riforma (21)

Storia. La guerra nel Medioevo (15)

La Chiesa non ha mai insegnato l’ “obiezione di coscienza”. Sa che c’è il peccato originale e la guerra è inevitabile. Il cristiano è pacifico, non “pacifista”, perché non sempre la pace è meglio della guerra. Infatti dice san Tommaso che la pace è “tranquillità nell’ordine”. Dunque senza giustizia non ci può essere pace. E … Continua la lettura di Storia. La guerra nel Medioevo (15)

Storia. Le Crociate (14)

Si trattò di un pellegrinaggio armato, nient’altro. Le Crociate furono otto, di cui solo due vittoriose. Gli scontri si svolsero in Terrasanta e i periodi bellici durarono in tutto pochi decenni su diversi secoli. La maggior parte dell’Islam quasi non se ne accorse. Il papa Urbano II, a Clermont nel 1096, le “lanciò” quasi per … Continua la lettura di Storia. Le Crociate (14)