Archivi tag: Tempi

Gianna Beretta Molla, vivere con fede e morire con gioia

Siamo bombardati in mille modi (dai film ai romanzi, dalle riviste agli articoli giornalistici) da messaggi che inneggiano all’edonismo sfrenato e ad un becero carpe diem. Se apriamo una pagina di internet il termine amore è, spesso, sostituito dalle parole «sesso», «piacere» e «tradimento». Piuttosto che del rapporto matrimoniale si preferisce parlare di convivenze, di … Continua la lettura di Gianna Beretta Molla, vivere con fede e morire con gioia

La fedeltà di Dio è l’amico che viene a vivere con me

Il cristianesimo è un’amicizia con Cristo e con tutti noi che siamo stati afferrati da Lui. Un’amicizia che ha come fine ultimo quello di comunicare al mondo intero la Sua tenerezza piena di misericordia, ragione per la quale Dio si è fatto carne. Molte volte mi chiedo: perché il Mistero ha scelto me e mi … Continua la lettura di La fedeltà di Dio è l’amico che viene a vivere con me

L’ordine serve per tenere gli occhi fissi su Gesù

Don Carrón ripete spesso: «Non aspettatevi un miracolo, ma un cammino». Capiamo cosa voglia dire Cristo se nel tempo riusciamo a percepire correttamente la realtà, la verità che essa racchiude e proclama, come luogo in cui si rivela la Sua presenza. Il cammino educativo che viene proposto a San Rafael vuole far conoscere Cristo, che … Continua la lettura di L’ordine serve per tenere gli occhi fissi su Gesù

In lavanderia e in mezzo ai malati. Quando il lavoro è amare Cristo.

Ogni giorno il Signore mi dà la grazia di convivere con persone per cui il rapporto con Cristo è l’unica ragion di vita. Persone semplici, a volte analfabete, che testimoniano come sia possibile, e allo stesso tempo bello, vivere il cristianesimo dentro tutte le circostanze della vita. Vi propongo la storia quotidiana di due donne … Continua la lettura di In lavanderia e in mezzo ai malati. Quando il lavoro è amare Cristo.

La confessione non è condanna ma nuova speranza

Mentre mi trovavo in Italia, volendo confessarmi, ho chiesto agli amici della Brianza se ci fosse un prete disponibile, magari anziano. Così mi hanno portato da don Pasquale. «Chi è don Pasquale?», ho domandato. E mi è stato risposto che è un sacerdote sugli 80 anni, che vive a Bernareggio e dice Messa ogni giorno … Continua la lettura di La confessione non è condanna ma nuova speranza

Il Signore non è sconfitto dalle nostre sconfitte

Attraverso i volti che ci donano la certezza di Cristo e che ci confermano che la fede è utile per testimoniare la vera gioia, incontriamo testimoni di un amore eterno che ha pietà del nostro niente. Queste persone hanno vissuto drammi indescrivibili, hanno abbandonato Dio per altri idoli, hanno sofferto fino in fondo il vuoto … Continua la lettura di Il Signore non è sconfitto dalle nostre sconfitte

Sono i dettagli che rendono bella la vita. In ogni tipo di lavoro

Erano le 23.30, mentre facevo il mio esame di coscienza inginocchiato davanti alla bella immagine del Crocifisso della mia stanza, mi sono venute in mente, ripensando alle molte ore in cui sono stato impegnato nel mio lavoro, alcune cose che avevo visto e che cercherò di sintetizzare in questo scritto. Qualcuno dirà: padre Aldo, il … Continua la lettura di Sono i dettagli che rendono bella la vita. In ogni tipo di lavoro

Devi essere contento quando piove, mi disse il paralitico

Caro padre Aldo, ho 22 anni e da circa uno sono in psicoterapia. Sono rimasta stupita dall’incontro che lei ha fatto in università. In particolare mi ha colpita come un dolore immenso, che le si legge in faccia, possa convivere con una profonda certezza. Sembrava una cosa incomprensibile, invece mi sono trovata a sperimentarlo negli … Continua la lettura di Devi essere contento quando piove, mi disse il paralitico

«Padre, le chiedo questa carità: mi voglia bene»

Alcuni giorni fa mi ha colpito una frase di Chesterton: «Colui che è convinto di essere in buona salute è l’unico veramente ammalato». Nel testo latino del Credo la liturgia mette sulle nostre labbra: «Propter nos homines et propter nostram salutem descendit de Caelis». La traduzione italiana sostituisce il sostantivo “salutem” con “salvezza”, mentre per … Continua la lettura di «Padre, le chiedo questa carità: mi voglia bene»

Tutto, perfino un omicidio, può essere perdonato

In un mondo in cui la realtà è manipolata o ridotta a propria immagine, ai propri progetti, è inevitabile la disperazione che vive la maggior parte degli uomini. Tutti i giorni ricevo mail di persone che chiedono, gridano aiuto. La risposta non può essere ridotta a parole già confezionate o a una ricetta – come … Continua la lettura di Tutto, perfino un omicidio, può essere perdonato

Io, cresciuta con un padre transessuale, vi chiedo di non approvare le nozze gay

Denise Shick  e’ cresciuta negli Stati Uniti con un padre “transgender” e il 24 marzo ha raccontato alla Corte Suprema americana «l’ossessione di mio padre transessuale» e la «sua infelicità anche quando ha ottenuto ciò che pensava di desiderare». Shick è stata chiamata a raccontare la sua storia ai giudici federali e si è opposta alla … Continua la lettura di Io, cresciuta con un padre transessuale, vi chiedo di non approvare le nozze gay

Mi chiamavo Amahd ora sono Cristiano

Mi chiamavo Amahd Ora sono Cristiano «Chi sono io? Ero Ali’ ho 22 anni. Il mio paese? Era l’Afghanistan. Dove quelli come me venivano perseguitati dai sunniti pashtun. Sono arrivato in Italia e da questa Pasqua urlo al mondo che non ho più paura. La mia nuova vita mi ha regalato la libertà» Questa è … Continua la lettura di Mi chiamavo Amahd ora sono Cristiano

Cosa serve a Gesù per essere più accattivante? Non basta la sua croce?

Carissimo padre Aldo, ti scrivo innanzitutto per salutarti, da parte mia e di tutti i miei bambini: ogni mattina la loro preghiera è per te e per i tuoi “figli”. Voglio raccontarti come nella mia esperienza ho potuto verificare quello che tu dici riguardo al fatto che nessuno è determinato dai suoi antecedenti biologici, ereditari … Continua la lettura di Cosa serve a Gesù per essere più accattivante? Non basta la sua croce?

Che grazia per un sacerdote essere innamorato di una donna

Più di un paio di anni fa incontrai un uomo speciale: bellissimo, brillante, divertente e fedele a Cristo. Col passare dei mesi diventammo sempre più intimi, eppure lui non si decideva ad uscire allo scoperto. Una sera ricevetti una telefonata, nella quale questo ragazzo (che chiamerò Giovanni) mi aprì il suo cuore dicendo che si … Continua la lettura di Che grazia per un sacerdote essere innamorato di una donna

Il senso della vita non si cerca su Google. È un Mistero che si è fatto carne

Caro padre Aldo, cercando su Google una risposta al mio stato d’animo, l’ho trovata in un suo bellissimo articolo pubblicato su tempi.it! Condivido con lei “la notte dell’anima” (in una dimensione spirituale) anche nella forma del “male di vivere” (in una dimensione terrena). Ho 36 anni e mi porto questo fardello da circa 15 anni ormai. … Continua la lettura di Il senso della vita non si cerca su Google. È un Mistero che si è fatto carne

Se uno vedesse come muoiono i nostri pazienti, non avrebbe più paura dei Novissimi

«In omnibus operibus tuis, memorare novissima tua, et in aeternum non peccabis». «In tutte le opere tue ricordati della tua fine e non peccherai in eterno», afferma il Siracide (7,36). I Novissimi sono quattro: Morte, Giudizio, Inferno, Paradiso. Questo pensiero mi accompagna fin dagli anni del seminario, quando nell’ultima meditazione di ogni ritiro spirituale il predicatore … Continua la lettura di Se uno vedesse come muoiono i nostri pazienti, non avrebbe più paura dei Novissimi

Ti sei innamorata di un uomo vecchio e malato? Meglio “sbagliarsi” o essere “etici” come le pietre?

Caro padre Aldo, tempo fa ti scrissi una lettera per un senso di angoscia che mi portavo dentro da tempo e la tua esortazione a pregare la Madonna mi ha aiutato tanto. Questa volta ti scrivo, perché mi è accaduto un fatto di cui non riesco ancora a capire il senso. Lavoro da 15 anni … Continua la lettura di Ti sei innamorata di un uomo vecchio e malato? Meglio “sbagliarsi” o essere “etici” come le pietre?

Una fraternità è come un matrimonio: quello ideale non esiste

Caro padre Aldo, appartengo a un movimento cattolico da 20 anni e sono stanco di ascoltare sempre le stesse parole, gli stessi richiami. Mi sento annegare dalla schematicità che viviamo. Si parla di tutto, si riprende la catechesi ma è come un ripetere sempre le stesse parole. Il nostro ritrovarci è diventato un peso, fino … Continua la lettura di Una fraternità è come un matrimonio: quello ideale non esiste

L’esempio viene prima della predica. Così ci educhiamo a vicenda

Le “prediche” e le teorie non servono per educare. Padre Paramas, gesuita delle Riduzioni, nel suo libro La repubblica di Platone e i Guaraní afferma che questo paese non si è sviluppato attraverso teorie astratte e teoriche bensì per “imitazione”. Cioè, guardare alla realtà obbedendole. Questo processo di cambiamento è avvenuto seguendo una persona che … Continua la lettura di L’esempio viene prima della predica. Così ci educhiamo a vicenda

Come sarebbe piatta la vita se andasse sempre secondo i programmi

Carissimo padre Aldo, mi chiamo Marinella. Un amico ci ha girato una lettera che hai scritto, dicendoci: «Che testimonianza! Lascia senza parole!». È proprio stato così; l’ho letta e riletta tante volte. L’ho portata in ospedale dove lavoro e ogni tanto la tiro fuori dal cassetto e la riprendo affinché le tue parole possano aiutare … Continua la lettura di Come sarebbe piatta la vita se andasse sempre secondo i programmi