Tre consigli di Don Bosco ai giovani nel tempo di Pasqua

Tre ricordi ai giovani per conservare il frutto della comu­nione pasquale: “Cari giovani, se volete conservare il frut­to della santa comunione che fate in questo tempo pasquale, praticate questi tre avvisi. Essi renderanno contento il vo­stro cuore e formeranno la felicità dell’anima vostra.
1° Santificate il giorno festivo, non mancando mai di sentire divotamente la Santa Messa ed intervenire ad ascoltare la paro­la di Dio, cioè prediche, istruzioni catechismo.
2° Fuggite come la peste i cattivi compagni; cioè state lontani da tut­ti quei giovani che bestemmiano oppure nominano il santo no­me di Dio invano; fanno o parlano di cose disoneste. Fuggite altresì quelli che parlano male di nostra santa cattolica religione, criticano i sacri ministri e soprattutto il Romano Pontefice Vicario di Gesù Cristo. Siccome é un cattivo figlio quello che censura la condotta di suo padre, così è un cattivo cristiano colui che censura il papa; che é il padre dei fedeli cristiani che sono in tutto il mondo.
3° Accostatevi spesso al sacramento della penitenza. Non lasciate pas­sare un mese senza confessarvi ed anche comunicarvi secondo l’avviso del confessore. Dopo la comunione fermatevi più che potete per ringraziare il Signore e chiedergli grazia di non morire in peccato mortale. Un Dio solo. Se mi è nemico, chi mi salverà? Un’anima sola: se la perde, di me che sarà? Un solo peccato mortale merita l’inferno che sarà di me se moris­si in tale stato? Ascolta, caro figlio, il detto mio: fallace è il mondo, il vero amico è Dio. IV,54-55.

SE PUOI.... AIUTACI: