Aiuto mamme e famiglie

La crisi economica si fa sentire soprattutto sulle famiglie monoreddito o con un solo genitore. Sono soprattutto le mamme sole con uno o più figli a faticare ad arrivare a fine mese.

Per venire incontro a queste famiglie ridotte talvolta alla fame, abbiamo iniziato con alcune di loro un percorso per rimettere in sesto fragili conti familiari evitando che finiscano in mano ad usurai, finanziarie, cambiali e altre forme di debito che aggraverebbero definitivamente la loro situazione economica.
Noi ci siamo dedicati alle mamme e famiglie di ex vittime di violenza, tratta e sfruttamento in Torino e provincia. Seguiamo inoltre le numerose famiglie italiane impoverite del mondo degli spettacoli viaggianti a cui per anni abbiamo svolto attività di catechismo.

Lanciamo periodicamente degli appelli con casi concreti da aiutare per l’emergenza famiglie che investe il nostro paese. Alcune situazioni le abbiamo risolte positivamente, ma molte altre si aggiungono e necessitano del vostro sostegno.

Cerchiamo persone che vogliano adottare economicamente una famiglia o una mamma in difficoltà con un sostegno economico mensile costante (es. 50-100-150 euro al mese) o con donazioni singole.

Progetto Vita – un mese di attenzioni: ti chiediamo 100 euro destinati a mamme sole con gravi problemi economici che l’associazione impiega in acquisti per prodotti per neonati: latte, alimentari, pannolini e omogeneizzati (viene inviata fattura e ricevuta della spesa avvenuta). Dal 2007 offriamo sostegno economico a mamme sole con bambini con gravi malattie.

Sosteniamo e accompagnamo chi vive una maternità difficile o inizialmente indesiderata, collaborando con vari CAV (Centri Aiuto alla Vita) piemontesi.

Progetto Dalla strada alla vita (già progetto Donne – Africa-Project) : ti chiediamo 50 o 100 euro annuale per il sostegno di iniziative volte al recupero e al reinserimento di ragazze africane che escono dalla strada: annualmente spendiamo 6.000 € per 400 donne seguite dall’associazione tramite sportello e tramite le tre unità di strada.

Adozioni “a distanza ravvicinata”: chiediamo ai benefattori 75 euro per 3 mesi.
Il progetto completo prevede un piccolo rimborso-lavoro a 10 ragazze (2 italiane e 8 straniere) seguite dall’associazione per permettere loro di frequentare dei corsi di formazione e reinserirle nel lavoro.

dalla parte dei piccoli e dei poveri