Se difendi qualcosa, ti opporrai al suo opposto (Cordileone)

Afbeelding van Madlen Deutschenbaur via Pixabay

introduzione

Quando mi è venuta per la prima volta l’idea di commissionare una nuova Messa di musica sacra per questa Messa nella nostra Cattedrale prima dell’annuale Walk for Life West Coast, ho previsto che fosse l’occasione del cinquantesimo anniversario della famigerata decisione del 22 gennaio, 1973 Roe contro la Corte Suprema di Wade.

Certo, non avevo inteso questo come il tipo di felice anniversario che si celebra con grande festa, come un anniversario di matrimonio o un anniversario di ordinazione o di professione religiosa. Piuttosto, l’avevo previsto nello stesso senso di altri anniversari di grandi tragedie della storia, come l’attacco a Pearl Harbor o gli attentati terroristici dell’11 settembre 2001.

Nuove e costanti sfide

SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

Non sapevo, né nessun altro per quella materia, che in realtà ci sarebbe stato qualcosa di felice da festeggiare. Ciò che tanti di noi hanno sognato, pregato e lavorato duramente nel corso di mezzo secolo si è avverato: il ribaltamento di questa decisione mostruosa. Mentre l’ormai storica decisione Dobbs è un grande passo avanti nella costruzione di una cultura della vita nella nostra società, in un altro senso aggiunge nuove e ancora maggiori sfide, soprattutto qui nel nostro stato della California che promette di essere un cosiddetto “santuario stato” per l’aborto. Sicuramente non potrebbe esserci ossimoro più grande, perché “santuario” riguarda la protezione della vita umana e dei diritti umani, non la loro rimozione!

Hai sentito le notizie proprio come me. Anche le stesse etichette che usano mostrano il loro pregiudizio: noi siamo “anti-aborto” mentre loro sono “pro-choice” o “per il diritto all’aborto”. Naturalmente, non riescono a riconoscere che se difendi qualcosa, ti opporrai al contrario. Le persone possono essere etichettate in base a ciò a cui sono favorevoli o contrarie. Non si può essere per qualcosa senza essere contro il suo contrario, così come, allo stesso modo, non si può essere contro qualcosa senza essere per il suo contrario.

Quindi, sì, siamo contrari all’uccisione di vite umane innocenti in ogni circostanza, motivo per cui siamo a favore della vita, così come sono contrari alle leggi che proibiscono l’uccisione di vite umane innocenti. E notate come siamo etichettati come una piccola minoranza fuori dal mainstream. Ma questo ci mette in buona compagnia: tali erano gli abolizionisti nell’America di metà Ottocento e così i protagonisti dei diritti civili nel Jim Crow South.

Sostenere ciò che è giusto e vero in una società che si oppone ad esso comporterà sempre sofferenza e qualche tipo di persecuzione.
Quando mi è venuto in mente di commissionare questa Messa non prevedevo nemmeno che sarebbe avvenuta nel giorno della festa di Sant’Agnese, vergine e martire.

Storia di Sant’Agnese

Immagine

SOSTIENICI CON IL 5 per MILLE: 97610280014

Sant’Agnese visse a Roma intorno all’anno 300, nel periodo in cui era iniziata la persecuzione dei cristiani da parte dell’imperatore Diocleziano. Essendo una bellissima giovane donna di una famiglia romana benestante, era molto ricercata per il matrimonio. Ma lei rifiutò tutti i suoi corteggiatori perché aveva consacrato la sua verginità al suo sposo celeste, nostro Signore Gesù Cristo.

Bene, questo fece arrabbiare abbastanza quei corteggiatori, e così la accusarono al governatore romano di essere cristiana, fiduciosi che le minacce di tortura l’avrebbero indotta a cambiare idea. Ma non temeva niente di tutto ciò, né la minaccia del fuoco, né i ganci, né la rastrelliera, niente di tutto ciò. Allora i suoi persecutori ebbero l’idea di violentarla in altro modo, e così la mandarono in una casa di malaffare. Ma aveva piena fiducia nel suo Signore che avrebbe protetto la sua purezza. E così ha fatto.

Esasperato dalla sfida di questa bambina – Sant’Agnese era solo un’adolescente quando fu martirizzata – il governatore la condannò alla decapitazione. Sant’Ambrogio racconta che, sentendo la sentenza di morte, Sant’Agnese “si recò sul luogo dell’esecuzione più allegramente di quanto altri vadano al loro matrimonio”. Lei è vergine e martire: giovane, impavida e completamente fiduciosa nell’amore e nella protezione del suo Signore.

“Protezione”, potresti chiedere? Alla fine è stata giustiziata, e nel modo più brutale. Che tipo di protezione è? Per Sant’Agnese, però – e per tutti i santi e martiri cristiani, del resto – “protezione” significa protezione dell’integrità della propria fede e virtù. Questa, alla fine, è l’unica cosa che conta, perché alla fine moriremo tutti, prima o poi. È ciò che accade nell’eternità che conta davvero.

Lezione dalla parabola delle dieci vergini

Come vergine e martire, Sant’Agnese ci fornisce il modello e l’ispirazione di cui abbiamo bisogno per costruire una cultura della vita in questo nuovo mondo post-Dobbs. Ella viveva già nel suo corpo l’unione nuziale con il suo Signore, di cui egli ci insegna nel Vangelo di oggi.

Lo scenario di questa parabola sarebbe stato familiare alla gente di quel tempo e di quel luogo, poiché riflette le tipiche usanze matrimoniali ebraiche nei tempi biblici: allora (come adesso) lo sposo e la sposa avevano dei servitori che li accompagnassero; lo sposo si recava la sera a casa della sposa ed era accolto con gioia e onore; poi conduceva la sua sposa a casa sua per il banchetto di nozze e, con la consumazione del matrimonio, il processo per sposarsi sarebbe stato completato. I ritardi non erano rari, quindi possiamo capire gli aspetti pratici della necessità di essere preparati per uno, per ogni evenienza.

I dettagli pratici della storia, tuttavia, sono simbolici, poiché ci insegnano l’intero significato della vita cristiana in questo mondo:

 Le lampade rappresentano la fede, poiché è solo alla luce della fede che possiamo percepire le realtà spirituali;
 L'olio per quelle lampade rappresenta le buone opere, cioè una vita di carità, di virtù, di fede messa in atto: questo è ciò che alimenta la fede e la fa risplendere come l'olio alimenta una lampada e tiene viva la sua fiamma per sprigionarsi leggero;
 Addormentarsi significa morte, e preparare le lampade a rendere conto a Dio delle proprie opere (cfr S. Agostino in serm. 23 de Verbis Domini);
 Il grido a mezzanotte: “Ecco lo sposo! Vieni fuori a incontrarlo! ci parla del ritorno di Cristo alla fine del mondo, quando verrà a giudicare i vivi e i morti, come ci insegna san Paolo in 1 Tessalonicesi (“Il Signore stesso, con una parola di comando, con voce di un arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal cielo” [1 Ts 4,16]).

Attingendo a tutti questi elementi, la lezione per noi è chiara: saremo giudicati dalla nostra fede, ma la nostra fede deve essere informata dalle buone opere – virtù, carità – che la mantengono viva, altrimenti muore. E dopo il giudizio finale, non si torna indietro. Notate quanto è definitivo: “…lo sposo è venuto…. Poi la porta è stata chiusa a chiave». Qui c’è una finalità assoluta: alcuni sono lasciati fuori, esclusi dal banchetto nuziale – quelli che non hanno avuto virtù, nessun atto di carità per far risplendere la luce della fede nel mondo.

Testimoni di integrità di fede e di virtù oggi

Nei Vangeli, il banchetto nuziale è l’immagine classica del Regno di Dio, poiché esso non è altro che il significato dell’unione coniugale: una comunione di persone comprensiva, completa, dove i due diventano uno pur conservando anche la loro unica identità individuale. Questa è la comunione che Dio cerca con noi e che gli eletti godranno nel suo Regno per tutta l’eternità.

Questa è la lezione che ci insegna Sant’Agnese: la disponibilità a dare tutto, anche la stessa vita corporea, per mantenere l’integrità della propria fede e virtù ed essere così trovati irreprensibili nel giorno della visitazione di nostro Signore Gesù Cristo, e così portati in quella perfetta comunione con lui. Anche il dono della verginità è simbolico oltre che letterale, poiché rappresenta e incarna quella purezza che rende possibile il dono totale di sé all’altro. Questo è il significato dell’amore, che non è altro che quella comunione perfetta, in definitiva, comunione con Dio.

Sant’Agnese, però, ci insegna anche un’altra preziosa lezione, che si può trovare nel suo stesso nome: agnello. L’agnello è l’animale del sacrificio. Il sacrificio arriverà inevitabilmente a coloro che vivono secondo le verità spirituali percepibili solo alla luce della fede. Sacrificio significa “rendere santo”, che avviene donandosi nell’amore per il bene di un altro, per un bene più grande. Questo è ciò che significa essere grandi agli occhi di Dio, non del mondo.

Conclusione

Miei cari giovani, voi che siete la Generazione per la Vita: Dio vi chiama alla grandezza! La grandezza non viene dal potere o dalla ricchezza, o da ciò che San Paolo chiama saggezza secondo i criteri umani, cioè la narrazione dominante di una cultura disumanizzata separata dalla visione della fede nell’unico, vero Dio. Da dove viene la grandezza, secondo San Paolo? Deriva dall’essere così stolti da essere scelti da Dio per svergognare i saggi di questo mondo, cioè coloro che perpetrano i miti distruttivi della cultura della morte; essendo abbastanza debole da svergognare i forti, avendo la forza spirituale per dire la verità al potere e sopportare il ridicolo, gli insulti e il rifiuto che ne deriveranno; essendo umile, umile e persino disprezzato in modo che Dio possa usarti per abbattere coloro che sono alti e potenti agli occhi del mondo ma che, con la parola e l’esempio, guidano gli altri lungo il sentiero dell’autodistruzione. La grandezza viene dall’umiltà, dall’innocenza e dalla forza spirituale che permette di diventare un agnello del sacrificio.

Lascia che l’adolescente Sant’Agnese sia il tuo modello, la tua guida e la tua ispirazione. Imitate le sue virtù di purezza, coraggio e gioia nel vivere la sua vita per amore di Cristo. Come lei e san Paolo, abbiate come unico vanto nostro Signore Gesù Cristo, che ha dato tutto se stesso per noi, per la nostra santificazione e redenzione, anche se non ha potuto ricevere nulla in cambio. Possa essere lodato per sempre! Amen!

Omelia della messa per il Walk for Life Westcoast Memoriale di Sant’Agnese
Salvatore Cordileone – Arcivescovo di San Francisco

Dona ora per chi ha bisogno. Grazie!

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Donum Vitae

Madonna di Sheshan, aiuto dei cristiani, Prega per noi!