La peste a Palermo del 1624 e Santa Rosalia

Di Antoon van Dyck – [1] – Olio su tela, cm. 155 x 132, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=68668282

Nel 1624, la peste stava decimando la popolazione in molte città, inclusa Palermo, causando numerose vittime. Per limitare il contagio, le chiese e i luoghi di raduno furono chiusi, ma ogni famiglia contava vittime dell’epidemia tra i suoi membri.

Un tal Vincenzo Bonelli aveva perso la moglie e disperato voleva suicidarsi, fuggì verso il Monte Pellegrino, poco fuori dalla città, dove Santa Rosalia (Palermo, 1130 – Palermo, 4 settembre 1170) aveva vissuto a lungo e dove erano stati ritrovati i suoi resti il 15 luglio 1624. Gli esperti non avevano ancora confermato che fossero davvero i suoi resti.

La Santuzza, come viene chiamata Santa Rosalia a Palermo, il 13 febbraio 1625 apparve a Vincenzo Bonelli e gli disse che non avrebbe potuto sfuggire alla peste, ma se avesse voluto, lei si sarebbe occupata della sua anima.

Se il Cardinale avesse voluto salvare la città, avrebbe dovuto portare in processione le sue spoglie, assicurandosi che fossero davvero le reliquie della Santa.

SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

Vincenzo Bonelli aveva il compito di riferire tutto questo a chi di dovere, e le reliquie di Santa Rosalia, il 9 Giugno del 1625, furono portate dal Monte Pellegrino in processione.
Al passaggio della processione nei rioni di Palermo, la peste si fermò e nessuno si ammalò più da quel giorno.

Per ringraziamento il Cardinale si occupò personalmente della costruzione di un altare nella Cattedrale, dove venne posizionata l’urna con le reliquie della Santuzza. Il nome di Santa Rosalia è ritenuto composto dai termini “Rosa” e “Lilia”, simboli di mistica purezza. I palermitani, di ogni tempo, accompagnano la loro Santuzza con i versi: “O rosa fulgida che in ciel s’indìa, o giglio candido caro al Signor, fiore freschissimo, o Rosalia, accogli i palpiti del nostro amore!”

Dona ora per chi ha bisogno. Grazie!

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Benedetto XVI scrive al seminario di Czestochowa

Atto di affidamento dei giovani del mondo (Giovanni Paolo II)