Aquila e Priscilla sposi e martiri (8 luglio)

Image by Dimitris Vetsikas from Pixabay

Aquila e Priscilla erano una coppia di coniugi giudei convertiti al cristianesimo durante la prima generazione cristiana. Lasciarono Roma in seguito all’espulsione voluta dall’imperatore Claudio contro i giudei nel 49 o 50 d.C. e si stabilirono a Corinto, dove diedero ospitalità all’apostolo Paolo durante la sua prima visita alla città. Si presume che la loro conversione alla fede cristiana sia avvenuta in questo periodo.

Successivamente, Aquila e Priscilla accompagnarono Paolo a Efeso, dove istruirono Apollo, un eloquente giudeo alessandrino che era versato nelle Scritture ma non conosceva alcuni punti essenziali della nuova dottrina cristiana, come il Battesimo di Gesù. Aquila e Priscilla si assicurarono di battezzarlo prima che partisse per Corinto.

Durante il terzo viaggio missionario di Paolo, Aquila e Priscilla ospitarono di nuovo l’apostolo nella loro casa a Efeso per tre anni, e la loro casa divenne un luogo di riunione per la comunità cristiana. Tuttavia, successivamente lasciarono Efeso e si trasferirono a Roma, dove ancora una volta riunirono una comunità cristiana nella loro casa.

Non si conoscono con certezza la data, il luogo e la modalità della morte di Aquila e Priscilla, poiché le uniche fonti disponibili su di loro sono le citazioni bibliche. Alcuni identificano Priscilla con la vergine e martire romana Prisca, mentre Aquila potrebbe essere collegato alla “gens Acilia” associata alle catacombe. Si ritiene che entrambi siano stati decapitati. L’8 luglio, il martirologio romano commemora la loro memoria.

SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)
  • “Vi salutano molto nel Signore Aquila e Prisca, con la comunità che si raduna nella loro casa.” (2Tim 4,19)
  • “Saluta Prisca e Aquila e la famiglia di Onesiforo.” (2Tim 4,19)
  • “Salutate Prisca e Aquila, miei collaboratori in Cristo Gesù; per salvarmi la vita essi hanno rischiato la loro testa, e ad essi non io soltanto sono grato, ma tutte le Chiese dei Gentili; salutate anche la comunità che si riunisce nella loro casa.” (Lettera ai Romani)

. P.B.

Dona ora per chi ha bisogno. Grazie!

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Caratteristiche sociodemografiche della comunità Pakistana in Italia (2022)

Quando la maternità surrogata finisce male non ci sono vincitori