Benedetto XVI: il martirio cristiano, un atto d’amore anche verso i persecutori

The Catholic news agency of the Bishops’ Conference of Bosnia and Herzegovina (Katolička tiskovna agencija Biskupske konferencije Bosne i Hercegovine), Attribution, via Wikimedia Commons

Il martirio cristiano – così attuale anche nel nostro tempo – è “esclusivamente un atto d’amore, verso Dio e verso gli uomini, compresi i persecutori”: lo ha detto Benedetto XVI parlando di santo Stefano, primo martire. “Il legame profondo che unisce Cristo al suo primo martire Stefano è la Carità divina: lo stesso Amore che spinse il Figlio di Dio a spogliare se stesso e a farsi obbediente fino alla morte di croce (cfr Fil 2,6-8), ha poi spinto gli Apostoli e i martiri a dare la vita per il Vangelo”.
Un segno di questo “amore” è proprio la preghiera verso i “nemici” e i “persecutori”, vissuto da tanti “figli e figlie della Chiesa nel corso dei secoli”. Tutto questo rende molto diverso il martirio cristiano da quello dei kamikaze o di una qualunque vittima dei propri ideali.
Benedetto XVI ha poi sottolineato come il martirio ha accompagnato sempre la professione della fede cristiana e rimane profondamente attuale: “anche oggi – ha detto – giungono notizie da varie parti del mondo di missionari, sacerdoti, vescovi, religiosi, religiose e fedeli laici perseguitati, imprigionati, torturati, privati della libertà o impediti nell’esercitarla perché discepoli di Cristo e apostoli del Vangelo; a volte si soffre e si muore anche per la comunione con la Chiesa universale e la fedeltà al Papa”.
Il pontefice non ha citato luoghi o situazioni nello specifico, ma in controluce si intuisce l’accenno alla “mappa del martirio” in Paesi dell’America Latina, dell’Africa e dell’Asia, in particolare i Paesi islamici (“perseguitati, imprigionati, torturati…”) e la Cina (“si muore anche per la comunione con la Chiesa universale e la fedeltà al Papa”). Nell’elenco si può aggiungere l’India da dove proprio oggi giungono notizie di cristiani uccisi e di chiese bruciate.
Citando la sua ultima enciclica Spe salvi (cfr n. 37), egli ha ricordato l’esperienza del martire vietnamita Paolo Le-Bao-Thin (morto nel 1857), in cui “la sofferenza è trasformata in gioia mediante la forza della speranza che proviene dalla fede”.
“Il martire cristiano”, ha sottolineato Benedetto XVI, “come Cristo e mediante l’unione con Lui, ‘accetta nel suo intimo la croce, la morte e la trasforma in un’azione d’amore. Quello che dall’esterno è violenza brutale, dall’interno diventa un atto d’amore che si dona totalmente. La violenza così si trasforma in amore e quindi la morte in vita’ (Omelia a Marienfeld – Colonia, 20 agosto 2005). Il martire cristiano attualizza la vittoria dell’amore sull’odio e sulla morte”.
“Preghiamo – ha concluso il pontefice – per quanti soffrono a motivo della fedeltà a Cristo e alla sua Chiesa. Maria Santissima, Regina dei Martiri, ci aiuti ad essere testimoni credibili del Vangelo, rispondendo ai nemici con la forza disarmante della verità e della carità”.

Dona ora per chi ha bisogno. Grazie!

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Feminist Legal Clinic Inc. sostiene misure per fermare la mercificazione dei bambini

La storia vera di 17 ragazze che hanno denunciato i loro sfruttatori