Altra tegola contro il ddl Zan: Il gender va tolto dal testo

Non è d’accordo con il suo campo politico. Non è d’accordo con la gara a forzare la mano sul ddl Zan condotta da Pd e M5s al Senato. Lo dice apertamente Stefano Fassina, deputato di Leu, a costo di ritrovarsi in ultraminoranza a sinistra (ma non sarebbe la prima volta): «Ho votato la legge alla Camera sulla base di elementi che oggi non esito a definire insufficienti. Ma dopo, nei mesi successivi, ho riscontrato l’assoluta fondatezza dei rilievi critici. Ho letto e condiviso le preoccupazioni sul versante femminista di Marina Terragni e Francesca Izzo, gli appelli di Arcilesbica a cambiare la legge, i pareri di giuristi di diverso orientamento culturale ma concordi nell’indicare criticità oggettive. E penso che sia un grave errore, in democrazia, fare una legge senza ascoltare».

Il punto centrale su cui intervenire?
La questione fondamentale è che l’articolo 1 contiene una visione antropologica. E una visione antropologica non può essere legge dello Stato. Il rafforzamento necessario e urgente della normativa antidiscriminatoria non può essere legata, mi ripeto ancora per essere più chiaro possibile, ad una visione antropologica.

Dove si trova la visione antropologica nell’articolo 1?
Nella definizione di identità di genere. È una definizione che va espunta dalla legge. Non si può assoggettare ad una norma penale una pur legittima visione del superamento della dualità uomo-donna. Si rischia un arretramento di cultura politica.

E il 4 e il 7?
Se si elimina l’identità di genere, l’articolo 4 si può anche evitare. Alla Camera è stato introdotto per rispondere alle critiche che venivano dal centrodestra sul rischio di un reato di opinione, se togli quella definizione l’articolo si può rimuovere con tutto il suo portato di arbitrio giurisdizionale.

Vale lo stesso discorso per l’articolo 7?
Togliendo dalla legge l’identità di genere, la Giornata contro la discriminazione omo-transfobica diventa “praticabile” anche per quella componente del sistema pubblico dell’istruzione che reclama legittimanente la violazione della propria libertà di avere una propria idea di persona. Anche la questione posta dalla Chiesa cattolica avrebbe una risposta. (NDR: l’articolo 7 va comunque eliminato)

Ormai opinioni come la sua si trovano a destra, a sinistra e al centro?
Si, è da settimane che provo a dare il suggerimento di mediare e trattare.

Chi difende la centralità del Parlamento, su temi delicati come i diritti e le libertà deve sapere ascoltare e costruire un consenso che vada oltre la strettissima maggioranza. Poi sì, certo, sono sincero, mi aspettavo un dibattito molto più aperto.

Marco Iasevoli – Avvenire

L'articolo continua dopo questa richiesta di aiuto...
SOSTIENI QUESTO SITO
https://tag.satispay.com/associazioneamicidilazzaro inquadra il QrCode oppure usa il link

Dona ora. Grazie!

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

SOSTIENI QUESTO SITO. DONA ORA con PayPal, Bancomat o Carta di credito