Caratteristiche demografiche della comunità filippina in Italia (2019)

Foto di Eduardo Davad da Pixabay

I Filippini regolarmente soggiornanti, al 1° gennaio 2019 sono 161.829, un numero stabile rispetto all’anno precedente, e rappresentano il 4,4% dei non comunitari in Italia. La comunità filippina risulta sesta per numero
di presenze, perdendo la quinta posizione detenuta per anni, a causa della sensibile crescita nell’ultimo anno della comunità indiana.

Leggi questa nostra richiesta di aiuto...
SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

Analizzando le principali caratteristiche demografiche dei cittadini filippini regolarmente soggiornanti in Italia al 1° gennaio 2019, si registra:

  • una discreta polarizzazione di genere, che vede prevalere le donne, con una quota prossima al 57%, dato contrastante con il complesso dei non comunitari regolarmente soggiornanti, tra i quali il genere femminile rappresenta il 48,3%;
  • un’età media superiore a quella rilevata sul complesso dei cittadini non comunitari (38 anni, a fronte dei 34 anni rilevati per il complesso della popolazione non comunitaria).
    La distribuzione per classi d’età evidenzia la prevalenza all’interno della comunità filippina delle classi di età più mature; complessivamente il 42% dei cittadini di origine filippina ha più di 45 anni a fronte del 27,8% rilevato sul complesso dei non comunitari. Colpisce in particolare la forte presenza di donne over 60 nella comunità in esame: 13,9%. Si tratta probabilmente delle protagoniste dei primi percorsi migratori della comunità, storicamente caratterizzata da un modello migratorio che, soprattutto in passato, ha visto le donne – inserite nei servizi di cura alle famiglie e alle persone – quali prime protagoniste.

Benché i minori rappresentino la classe di età prevalente nella comunità in esame, la loro incidenza sul totale risulta sensibilmente inferiore alla media non comunitaria: 20% a fronte di 21,8%; dato da legare, con ogni probabilità, alla forte canalizzazione dei lavoratori della comunità verso il settore dei servizi familiari e domestici che mal si concilia con la vita familiare. I 32.343 minori filippini rappresentano il 4% dei minori non comunitari presenti in Italia al 1° gennaio 2019.

In linea con l’andamento decrescente delle nascite da genitori non comunitari in Italia (passate da 52.624 unità nel 2016 a 51.582 unità nel 2017) anche la comunità in esame fa rilevare un calo delle nascite del 2%: da 1.642 del 2016 a 1.609 del 2017. Complessivamente nel corso degli ultimi 8 anni sono nati quasi 463mila bambini con cittadinanza non comunitaria in Italia, oltre 13mila (il 3%) di cittadinanza filippina.
La bassa incidenza di bambini filippini sul complesso dei nati, è da legare, anche alla bassa presenza di nuclei familiari all’interno della comunità in esame, d’altronde risultano pochi anche i matrimoni che hanno coinvolto cittadini filippini nell’ultima annualità di riferimento: i matrimoni celebrati nel 2017 in cui almeno un coniuge è di nazionalità filippina sono 194, ovvero un esiguo 1,1% delle nozze con almeno uno dei due coniugi di cittadinanza non comunitaria. Si tratta prevalentemente di nozze che riguardano un marito italiano ed una moglie filippina (69,6%), circa un quinto è relativo ad un cittadino filippino che sposa una donna italiana, mentre il 10,8% coinvolge coniugi entrambi stranieri. Rispetto all’anno precedente i matrimoni che coinvolgono membri della comunità in esame hanno registrato un lieve aumento (+7,8%), ad aumentare sono state soprattutto le unioni tra mogli italiane e mariti filippini (+61,5%). L’incidenza della comunità risulta lievemente superiore sulle nozze che hanno coinvolto un marito italiano e una sposa non comunitaria: nell’1,3% dei casi la sposa era filippina.
In riferimento alla distribuzione territoriale della comunità, il 52,6% dei cittadini filippini risiede nel Nord Italia, un valore inferiore di oltre 8 punti percentuali rispetto a quello riferito al complesso dei cittadini non comunitari presenti nel Paese. Si trovano proprio nel Settentrione due delle prime tre regioni per numero di presenze filippine: la Lombardia, che accoglie oltre un terzo delle presenze filippine, a fronte di un quarto dei non comunitari complessivamente considerati e l’Emilia Romagna (terza per numero di cittadini filippini) che fa registrare un’incidenza pari all’8,3% (per il complesso dei cittadini provenienti da Paesi Terzi l’incidenza sale all’11,3%).
Seconda regione per numero di presenze filippine è invece il Lazio, dove ha ricevuto o rinnovato il permesso di soggiorno il 28,2% dei cittadini filippini, incidenza nettamente superiore a quella relativa al totale dei migranti di origine non comunitaria (11,2%). D’altronde la forte specializzazione della comunità nel settore dei servizi domestici e di cura, canalizza le presenze verso i grandi centri urbani, come Roma e Milano, in cui risulta più elevata la domanda di lavoro in tale ambito.

SOSTIENI QUESTO SITO. DONA ORA con PayPal, Bancomat o Carta di credito

   

Fonte: Rapporto annuale sulla presenza dei migranti 2019

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Caratteristiche demografiche della comunità cinese in Italia (2019)

Modalità e motivi della presenza in Italia della comunità filippina (2019)