DdL Zan e il principio di tassatività manipolato dai promotori del Progetto di legge

Scusi Monica Cirinnà poiché la sua risposta sul concetto di tassativita’ non ha convinto nessuno di noi, (meraviglia il fatto che lei abbia pure insegnato queste materie…) che pur essendo semplici cittadini approfondiamo e ci confrontiamo con illustri esperti, la invito a leggere quanto segue, poiché una cara amica avvocato mi dice che :- Non è corretto dire che “il principio di tassatività fa parte di alcune regole che il diritto penale e la procedura penale insegnano”: si tratta di una definizione inesatta e riduttiva.(sa com’è sulla pelle delle persone non si scherza.

Il principio di tassatività è un fondamentale aspetto del principio di legalità, alla base del diritto penale.

È altrettanto inesatto affermare che la tassatività significherebbe che “quello che non viene nominato in una legge di fatto non esiste”.Il principio di tassatività è strettamente legato al principio di determinatezza ed entrambi indicano la necessità che la norma penale sia formulata in modo tale da consentire la certa individuazione di ciò che è lecito e ciò che non lo è.La tassatività, in particolare, preclude al giudice la possibilità di estendere per analogia l’applicazione dei precetti penali, sul presupposto che gli stessi siano formulati in modo preciso e determinato.

Dona ora. Grazie!

L'articolo continua dopo questa richiesta di aiuto...
SOSTIENI QUESTO SITO
https://tag.satispay.com/associazioneamicidilazzaro inquadra il QrCode oppure usa il link

❌ È proprio per questa ragione che le norme del ddl Zan violano il principio di tassatività, nonché quello di determinatezza: non è affatto chiaro cosa, in concreto, possa dirsi discriminatorio in relazione all’identità di genere, termine vago che fa riferimento alla “percezione” di un soggetto circa il suo genere, secondo la definizione che è data nello stesso disegno di legge all’art. 1 lett. d) (si veda anche Cosa intende l’Onorevole ZAN per identità di genere?)

SOSTIENI QUESTO SITO. DONA ORA con PayPal, Bancomat o Carta di credito

   

L’art. 4 del ddl Zan poi rimette al giudice ogni decisione circa le azioni che possano essere sanzionate, sempre sulla base di quell’ambiguo concetto di discriminazione cui si riferisce il testo: si tratta di un’ulteriore violazione del principio di tassatività, ❌ in quanto di fatto si traduce in un’eccessiva discrezionalità attribuita al giudice in sede di applicazione della norma.

❌ Abbiamo già conferme di quanto questo di traduca in una grave limitazione della libertà di pensiero.Nei Paesi dove norme simili a quelle contenute nel ddl Zan sono già diventate legge, ad esempio, è stato ritenuto “discriminatorio” indossare una felpa con il logo di una famiglia composta da padre, madre e figli, così come è stato ritenuto discriminatorio manifestare il proprio pensiero circa la differenza fra unioni civili e matrimonio.

❌ Ebbene, questo dimostra quanto sia pericolosa la previsione di sanzioni penali sulla base di norme incriminatrici poco chiare e il ddl Zan prevede proprio questo, in palese violazione del principio di legalità, di cui i principi di tassatività e determinatezza sono aspetti fondamentali.

Giusy D’amico – Ass. Articolo 26

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014