Disabili: la definizione in 3 punti

disabiliRealismo

Disabilita’ e’ l’incapacita’ di eseguire le attivita’ che sono proprie del  livello di sviluppo raggiunto dalla persona. Puo’ essere una disabilita’  fisica o mentale, detta altresì “ritardo di apprendimento”. Esiste una  sempre maggiore consapevolezza delle difficoltà delle persone disabili,  tanto più che esistono sempre più strumenti per venir loro incontro e  sopperire a numerose carenze; al tempo stesso c’è una chiara censura sui  temi della disabilità sui massmedia: interessa milioni di persone ma non ha  quasi alcuno spazio sui media. La censura è legata alla difficoltà a  concepire come pienamente “nostri” coloro che hanno una chiara dipendenza  dagli altri, nella società postmoderna basata sul mito dell’autonomia e  dell’indipendenza. Questa censura si traduce anche nel cattivo trattamento  sanitario che il disabile, in particolare il disabile mentale riceve  addirittura nelle nazioni che si autoproclamano civilizzate, come riportato  recentemente dalla rivista Lancet.

Dona ora. Grazie!

La ragione

Quale cultura discrimina oggi il disabile? 

Nelle operazioni di ogni giorno  tutti abbiamo qualche tipo o qualche livello di disabilità. Il fatto è che  alcuni riescono a nasconderla e altri no. E siccome chi la nasconde bene non  vuole “mostrare la propria debolezza”, facilita un’opera di rimozione  sociale per la quale semplicemente la disabilità “non deve esistere”, perché  la disabilità dell’altro ci fa pensare alla nostra. E perché la visione  fenomenologica del disabile ci ricorda quanto questa società non dà a chi è  malato. Abbiamo chiamato quest’opera di rimozione col nome di “handifobia”,  che è una forma persecutoria verso il disabile e la sua famiglia, che  sentono il peso del giudizio negativo sulla stessa esistenza in vita della  persona malata che arriva a sembrare un paradosso nella società che proclama  la salute come un diritto e la perfezione come necessità per essere  accettati. D’altronde non è vera l’equazione disabilità = sofferenza, cioè  non è automatica, pur essendo purtroppo molto frequente; perché la  sofferenza del disabile dipende dall’ambiente più che dalla malattia; e  troppo spesso l’ambiente favorisce la sofferenza di chi è malato. Il  disabile ha diritto come gli altri alla salute, che tuttavia non gli /le è  preclusa per via della sua disabilità: il diritto alla salute, come gli  altri diritti umani, è un tratto intrinseco della persona, e il disabile può  essere sano, cioè soddisfatto (v. capitolo “salute”), ma serve un impegno  sociale reale e continuo.

Disabilità e salute: un binomio impossibile?

Siccome la salute non è pura assenza di malattia – molti disabili sentono di  avere paradossalmente una buona salute nonostante la loro malattia –  dobbiamo definire in maniera nuova la salute come livello di “soddisfazione”  della vita. Purtroppo, l’idea che il disabile abbia una vita che “non merita  di essere vissuta” si diffonde, e porta a flirtare con l’eugenetica, il cui  primo passo è presumere che chi non ha capacità di autonomia non debba  essere definito “persona” e quello successivo è quello sguardo sottilmente  ambiguo col quale guardiamo le persone malate come degli “estranei” o dei  “sopravvissuti” al vaglio della diagnosi prenatale genetica.

Il sentimento

Per dare un parere sulle cure o sui diritti dei disabili bisogna parlarne  con i disabili: è imprescindibile. Il disabile deve essere al centro del suo  trattamento e le associazioni dei disabli devono essere sempre interpellate  da chi è responsabile delle politiche sociali. Proprio perché il disabile ha  diritto alla salute, la cura del disabile malato va accresciuta e  organizzata meglio, soprattutto quando ci si trova di fronte a disabili che  non possono esprimersi. Serve un’alleanza forte tra famiglia, Stato, mondo  medico e persona disabile, per riconoscere segni e sintomi, e superare le  barriere e le discriminazioni handifobiche ancora presenti nella società.

Carlo Bellieni

 

Aiutaci donando con PayPal, Bancomat o Carta di credito