Domande sui corsi di Reiki

reiki new ageDa dove proviene il Reiki?
Il reiki è una ‘tecnica’ di guarigione  e autoguarigione di origine giapponese, risalente a Buddha. Il termine sta ad indicare l’energia vitale universale, infatti  il sociologo Introvigne, dice: “il Reiki si fonda su una nozione dell’energia universale che deve sicuramente qualcosa alla religiosità popolare giapponese, ma non è immune da un’influenza di teorie occidentali sull’agente o fluido universale che derivano dall’esoterismo e da Franz Anton Mesmer”.

Il Reiki ha anche una valenza spirituale?
Per quanto si dichiari ripetutamente che il Reiki non è una religione, né una filosofia, né magia, non si può comunque negare una certa valenza spirituale. Consideriamo ad esempio alcune espressioni.

Aiuta con un piccolo contributo
con PayPal Bancomat o Carta di credito:

La vera via di luce che ti porterà all’unità che da tempo tu stai cercando: è qui, ora, l’hai trovata. Questa è il Reiki. la Grande Luce Divina che con amore apre le braccia ed il cuore ad ogni essere che voglia ‘diventare’ consapevolmente ed essere trasformato, per trovare dentro e fuori di sé una pace profonda…”(La Via, periodico indipendente dell’Associazione Amore Universale Anno V ,numero 2, giugno 1995,p.2-3).

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

“Il Reiki si propone come … uno strumento di guarigione naturale per chi ne ha bisogno… ma qualcosa di molto più profondo e sacro per chi ha l’esigenza di tornare in armonia con i ritmi della Realtà” (cfr. G.Tarozzi ,Reiki energia e guarigione Torino 1991 pag.13)

Vi sono elementi di occultismo nel Reiki?
Premesso che i seguaci lo negano decisamente, in realtà non possiamo la risposta è positiva: le pretese di efficacia universale, di effetto a distanza, di trattamento “mentale”…Poi i simboli, che vengono usati nei vari trattamenti, hanno valenza  sacra, e secondo gli insegnamenti del Reiki essi non devono mai essere rappresentati graficamente o pronunciati a vanvera; ciò non risponde ai dettami di un sistema di fede religiosa , ma tra le altre cose è un principio generale dell’esoterismo e dell’ermetismo…Tracciando intorno a voi una “gabbia di simboli potete mettervi al riparo da influenze od energie negative rivolte contro di voi…”(cfr. G.Tarozzi ,Reiki energia e guarigione Torino 1991 pag.69.71).

Il procedimento ricorda da vicino alcuni metodi di evocazione di spiriti. Ad es., in alcuni rituali taoisti, per l’evocazione dello spirito desiderato è essenziale, tra l’altro, l’uso del suo nome segreto, in una formula mantrica pure segreta,  il tracciare nell’aria con una spada un complicato simbolo segreto, che è il talismano dello spirito. (M.R. Saso Il Taoismo religioso esoterico secondo gli insegnamenti del Maestro Chuang Roma 1979 pag. 134 e seguenti.)

Come si pone il Reiki rispetto al Cristianesimo?
 Il Reiki risulta essere fondamentalmente inaccettabile per la teologia e l’antropologia cristiana. Infatti, il contrasto con gli articoli di fede del Credo è forte. In particolare il concetto di Dio: nel Reiki è ben altro che il Dio rivelato nella Bibbia, dove è un essere personale, trinitario, non “Energia in divenire” ed Energia manipolante e manipolabile a piacimento da un operatore “attivato”.

IL TUO 5 per mille VALE MOLTISSIMO
per gli ultimi, per chi e' sfruttato, per difendere la vita
sul tuo 730, modello Unico,
scrivi il codice fiscale degli Amici di Lazzaro: 97610280014

 

Il Reiki, come il New Age, non si riferisce al Dio della Rivelazione. In ultima analisi questa è la proposta di un modo religioso di pensare tutto nuovo, in cui morto il vecchio Dio Salvatore, tutto ciò che era il sacro e la salvezza, si riduce a misteri occulti e cerimonie o tecniche esoteriche, senza più templi né chiese e senza istituzioni. È in definitiva la divinizzazione dell’uomo mascherata sotto un cumulo di credenze magico-religiose.

L’uso di tecniche di meditazione orientale, gli enneagrammi, il New Age e via dicendo. Sono tutti “deboli e poveri elementi di questo mondo”, come li ha chiamati San Paolo, se paragonati alla potenza del Vangelo. ‘Badate che nessuno vi inganni con la sua filosofia e con vuoti raggiri ispirati alla tradizione umana, secondo gli elementi del mondo e non secondo Cristo. È in Cristo che abita corporalmente tutta la pienezza della divinità…’ (Col 2,8-9)”.