Due modi di pregare (Charles De Foucauld)

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Ci sono due modi di pregare: lasciar gridare il proprio cuore, lasciarlo chiedere a Dio con semplicità di bambino ciò che esso desidera; una qualche grazia per sé o per un altro, il ristoro da un qualche dolore per sé o per il prossimo: si lancia in tutta semplicità questo grido verso il Padre celeste e lo si fa seguire sempre da questa frase: “Non la mia volontà, ma la tua”.

Leggi questa nostra richiesta di aiuto...
SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

L’altro modo di pregare è quello di dire semplicemente la frase finale, e cioè: “Padre, sia fatta in questa circostanza la tua volontà, qualunque essa sia!”

Tali due preghiere sono perfette, divine.
Gesù ci dà l’esempio della prima sulle sponde del Cedron e nel Getsemani.

Ci dà l’esempio della seconda nel “Padre nostro”, che raccoglie tutto quanto in queste poche parole…

SOSTIENI QUESTO SITO. DONA ORA con PayPal, Bancomat o Carta di credito

   

Questi due generi di preghiera sono ugualmente perfetti, poiché Dio ci dà l’esempio di ambedue: lo Spirito Santo, secondo le circostanze, ha ispirato a Gesù sia l’una sia l’altra.
(Charles de Foucauld)

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Eccoci pronti a partire (Paolo VI)

Puo’ uno stato dichiarare nutile e non dignitosa una vita?