EllaOne: urge una corretta informazione

Foto di sophiamoss da Pixabay

Nella seduta della Camera nr. 408 del 14 aprile, l’on. Gian Luigi Gigli ha presentato un’interrogazione al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, relativamente ad ellaOne, la cosiddetta “pillola dei 5 giorni dopo“.

L’on. Gigli ha rilevato che, con interpellanza urgente dell’8 gennaio scorso, era stata segnalata al Governo l’incongruenza evidente fra l’informazione contenuta nel foglietto illustrativo del farmaco EllaOne (Ulipristal acetato, la pillola dei cinque giorni dopo) e quanto invece emerge dalla letteratura medica e, seppure contraddetto dalle conclusioni, anche dai documenti ufficiali dell’EMA
(Agenzia europea dei medicinali).

L’onorevole interpellante sottolinea infatti che EllaOne, presentata come farmaco che previene l’ovulazione e il concepimento, ha una possibile efficacia anti-annidamento: può impedire cioè che un figlio già concepito si annidi nell’utero materno. “I dati in letteratura medica – aggiunge l’on. Gigli – suggeriscono che proprio questa sia la modalità d’azione prevalente del farmaco“.

L'articolo continua dopo questa richiesta di aiuto...
SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

In risposta all’interpellanza dell’8 gennaio, il Ministro della salute aveva annunciato l’intenzione di effettuare un approfondimento tecnico presso il Consiglio superiore di sanità allo scopo di approfondire i profili di sicurezza del medicinale e di esprimersi nuovamente alla luce della intervenuta variazione a livello comunitario.

SOSTIENI QUESTO SITO. DONA ORA con PayPal, Bancomat o Carta di credito

   

L’on. Gigli osserva che dagli organi di stampa si è appreso che il parere del Consiglio superiore di sanità è stato consegnato al Ministro il 10 marzo 2015, ma ad oggi, tuttavia, detto parere non è stato ancora reso pubblico.

Frattanto, in data 25 marzo 2015, l’AIFA ha deciso di trasformare l’ulipristal acetato in un prodotto da banco, limitando la necessità di prescrizione medica alle sole minorenni.

L’on. Gigli ribadisce l’importanza che il parere del Consiglio superiore di sanità venga reso noto: “Una corretta informazione è dovuta alle donne – afferma l’Oìon. interpellante – affinché esse possano conoscere i farmaci che sono messi a loro disposizione: la scelta, in caso contrario, non sarebbe libera ma condizionata da una falsa informazione. Ne seguirebbe l’impossibilità di un consenso informato in un campo, quello della procreazione, a elevato impatto esistenziale”.

“L’informazione – prosegue l’on. Gigli – è altresì indispensabile per i medici e, più in generale, per tutti gli operatori sanitari. Non può prescinderne, infatti, un esercizio della professione che voglia essere libero e consapevole, nonché rispettoso di una utenza che anche nel ricevere una informazione corretta e completa deve sentirsi rispettata e resa responsabile“.

L’on. Gigli evidenzia quindi l’opportunità che sia reso pubblico il testo integrale del parere espresso dal Consiglio superiore di sanità in data 10 marzo 2015, in risposta ai quesiti illustrati nella interpellanza citata, e chiede se, in relazione al meccanismo d’azione di ellaOne, il Consiglio superiore di sanità abbia chiarito se si possono escludere effetti anti-annidamento e se, per la similarità con la molecola del mifepristone, sia stato escluso l’effetto abortivo per assunzione di dosi multiple del farmaco.

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

La scienza di fronte al mistero della vita

Pci, la storia occultata