Gli infermieri spesso ricevono una formazione in cure palliative pediatriche insufficiente o quasi nulla

Foto di Kevin Hartung da Pixabay

E. C. Kaye, J. Applegarth, Hospice nurses request paediatric-specific educational resources and training programs to improve care for children and families in the community: Qualitative data analysis from a population-level survey, Palliative Medicine, First Published July 26, 2019

Leggi questa nostra richiesta di aiuto...
SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

– I dati forniti dallo studio pubblicato a luglio 2019 su Palliative Medicine mostrano che gli infermieri spesso ricevono una formazione in cure palliative pediatriche insufficiente o quasi nulla. 

I bambini con malattie gravi spesso ricevono assistenza da infermieri che non hanno né la formazione né l’esperienza specifica nell’ambito delle cure palliative e della terapia del dolore in ambito pediatrico. Mancano anche studi su questo specifico settore.

Gli infermieri che hanno partecipato alla ricerca negli USA hanno espresso il forte desiderio di aumentare la formazione in cure palliative pediatriche, con particolare attenzione alla valutazione e alla gestione dei sintomi.
Nell’articolo si legge che i dati del National Summary of Hospice Care dimostrano che solo il 14% dei programmi di hospice offre servizi pediatrici con personale specializzato. Un sondaggio del 2018 condotto su infermieri impiegati in hospice che offrono servizi a pazienti pediatrici ha rivelato che più della metà degli infermieri non ha una formazione in cure palliative pediatriche, mentre la metà degli stessi non ha alcuna esperienza nella cura dei pazienti pediatrici. Non sorprende che la maggioranza degli infermieri in questo studio abbia riferito di sentirsi a disagio nel fornire servizi ai bambini durante la malattia e alla fine della vita.
I dati mostrano che un numero crescente di bambini con malattie croniche complesse vive la fase terminale della vita nella propria abitazione ma che è carente la formazione di chi offre cure palliative pediatriche domiciliari. Nello studio si riporta che nel 2003, l’Institute of Medicine, ha pubblicato il rapporto su “When Children Die”, per il miglioramento delle cure palliative e di fine vita per i bambini e le loro famiglie: il rapporto ha messo in evidenza che i bambini che ricevono cure palliative domiciliari spesso fanno affidamento su professionisti con esperienza pediatrica limitata. Le cure palliative pediatriche non possono essere concepite partendo da programmi creati per le cure palliative dell’adulto. Lo studio propone di incentivare la creazione di una rete collaborativa tra hospice ed ospedale, tra cure domiciliari ed ospedaliere: una rete pensata per rispondere ai bisogni specifici del bambino. Così come evidenzia la necessità di promuovere una formazione specifica per gli infermieri che operano nell’ambito delle cure palliative pediatriche

SOSTIENI QUESTO SITO. DONA ORA con PayPal, Bancomat o Carta di credito

   

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Noi siamo donne, domine regine (Silvana De Mari)

Famiglia: mobilitazione nazionale il 20 giugno a Roma