Il nuovo Torquemada politicamente corretto annienta chi non la pensa come lui

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

“L’obiettivo è annientare chi non la pensa come loro per ‘cancellarli’ puramente e semplicemente dallo spazio pubblico”. Lo scrive oggi su Le Figaro Olivier Vial, direttore del Centre d’Etudes et de Recherches, che attacca “i Torquemada del politicamente e scientificamente corretto. Convinti di incarnare il ‘Bene’, come i loro predecessori pensavano di incarnare ‘il significato della storia’, credono ancora che il fine giustifichi i mezzi. Non hanno la minima esitazione a screditare chiunque si opponga a loro”.

Dopo l’assassinio di Samuel Paty, nelle scuole e nelle università francesi è calato un clima di paura e di repressione. Basta un elenco parziale dei casi registrati a far capire il terrore intellettuale che si vive in Francia a causa dell’Islam e dei suoi alleati di estrema sinistra.

Due professori dell’Università Sciences Po di Grenoble hanno appena visto i loro nomi e volti incisi a caratteri cubitali all’ingresso dell’ateneo, accanto alle parole “i fascisti nelle nostre aule” e “l’islamofobia uccide”. Klaus Kinzler, uno dei due professori, teneva un corso su “Islam e musulmani in Francia”. “E’ una storia che mi ha subito fatto pensare a Samuel Paty, hanno chiaramente messo un bersaglio sulla loro schiena”, ha detto uno studente. Il ministro dell’Interno Darmanin annuncia che i due sono stati messi sotto scorta.

Una insegnante di Tolosa che ha rimproverato cinque studenti di non aver rispettato il minuto di silenzio durante l’omaggio a Samuel Paty, Fatiha Agag-Boudjahlat, è stata messa sotto “protezione funzionale”.

Una settimana dopo l’omaggio a Paty, un insegnante di storia e geografia di Les Battières ha tenuto un corso sulla libertà di espressione a un quinta elementare. Minacciato di morte, l’insegnante è stato assegnato a un’altra scuola.

Una professoressa all’Università Aix Marseille è stata accusata di islamofobia e minacciata di morte per aver criticato l’assenza di libertà di coscienza nell’Islam.

Un professore di filosofia di una scuola media di Trappes, Didier Lemaire, è stato messo sotto scorta e ha lasciato l’insegnamento dopo le minacce di morte.

Un professore di Annecy è stato minacciato di morte e di “fare la fine di Samuel Paty” dai suoi studenti. Casi simili sono registrati a Nizza, a Lione, a Noisy-le-Grand, a Savigny-le-Temple, a Nimes…

E’ questo lo “scenario algerino” che molti prefigurano per la Francia sotto islamizzazione. 101 insegnanti algerini furono uccisi dagli islamisti.
Meotti

Leggi questa nostra richiesta di aiuto...
SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Senza coraggio non è possibile ottimismo e senza ottimismo non è possibile felicità (Silvana De Mari)

Message from Medjugorje 25-06-2016 (in 34 languages)