Joe e il suo bimbo rapito

Foto di repertorio di damilolas083 da Pixabay

“Mi rapirono il bimbo appena nato per obbligarmi a prostituirmi. Il bimbo non venne neanche registrato alla nascita. Volevano 45.000 euro.”

Si è liberata, adesso vive a Granada. Ha denunciato e tutti i suoi sfruttatori sono finiti in carcere. Grande Joe!
E’ per noi un ricordo indelebile anche se sono passati molti anni.

L'articolo continua dopo questa richiesta di aiuto...
SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

E’ una delle tante storie di vita, molto simili fra loro, di chi ha vissuto il dramma dello sfruttamento.
In Italia sono oltre 25.000 le nigeriane sfruttate e a fronte di migliaia di denunce sono ancora pochi gli sfruttatori finiti in carcere.

SOSTIENI QUESTO SITO. DONA ORA con PayPal, Bancomat o Carta di credito

   

Aiutaci ad aiutare tante donne a liberarsi.

Puoi anche decidere di sostenere una campagna di prevenzione allo sfruttamento rivolto alle donne che sono ancora in Nigeria contattaci e ti daremo altri dettagli.

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014