La fuga di Joy e la voglia di cantare

Joy (Nigeria) prima ha vissuto il dramma della tratta, poi è stata accolta per un periodo per vivere al sicuro dagli sfruttatori. Infine ha iniziato un percorso (la seconda accoglienza) per reinserirsi e diventare autonoma economicamente e socialmente.
Ecco cosa racconta della sua esperienza
La strada: “Ci ho lasciato i miei silenzi (tanto per cominciare) di quando mi caricavano e non sapevo una parola della loro lingua, e capivo solo a suon di schiaffi… “
La casa di fuga: “Della casa di fuga ricorderò sempre due cose: il lavoro e la fiducia. Il lavoro, perché è ciò che mi ha rimesso in piedi … la fiducia perché devi sapere quando puoi fidarti, e quando lo capisci devi farlo e basta”
La casa di seconda accoglienza: “Ne sono passati otto di mesi da quando sono arrivata, e guardo avanti … per superare le difficoltà servono due cose: gli amici di cui fidarsi e a cui voler bene, e la voglia di cantare”

Leggi questa nostra richiesta di aiuto...
SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

Se volete aiutare altre ragazze contattateci e sosteneteci

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Per la Missione nelle nostre città (Giovanni Paolo II)

Dichiarazione Mondiale delle Madri