La loro intimita’ e il nostro relativismo sulle mutilazioni genitali femminili

Le donne non devono provare piacere nel sesso, cosi’ in base a un complicato concetto di purezza, nella migliore delle ipotesi viene loro asportato il clitoride, e nella peggiore, vengono tagliate anche le piccole labbra della vagina, e le grandi labbra sono cucite insieme, lasciando solo un pertugio per le urine e il sangue mestruale.

Dopo il matrimonio, il devoto marito aprirà lo “scrigno” custodito dalla novella sposa per goderne appieno. Una pratica talmente diffusa nel mondo arabo-islamico che l’Unicef ha dovuto rivedere le sue stime. Settanta milioni di donne in più avrebbero subìto la mutilazione genitale e l’infibulazione, portando la cifra complessiva di donne ferite per sempre a duecento milioni. Numerose società dell’Africa subsahariana e di parte del medio oriente ritengono la pratica necessaria per garantire alle donne l’onorabilità, la bellezza e la possibilità di trovare un marito.
 
Un’emergenza globale, che riguarda anche le comunità dei migranti in Europa, nelle nostre comunità ghettizzate, dove i nostri assistenti sociali spesso neppure mettono piede. E’ anche all’ombra delle nostre moschee che si fanno, infatti, queste orrende infibulazioni.
Eppure, la nostra epidemica esitazione di fronte alle culture e alle usanze per paura che l’“invadenza occidentale” le cancelli è diventata pura viltà, o cinico relativismo, di fronte a pratiche come la mutilazione genitale.
Qualche principio è più principio degli altri e dovrebbe valere per tutti
gli uomini e le donne di qualunque fede. Il diverso non è sempre bello. E qui l’occidente “è” la civiltà.

Il foglio

L'articolo continua dopo questa richiesta di aiuto...
SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

SOSTIENI QUESTO SITO. DONA ORA con PayPal, Bancomat o Carta di credito

   

Suicidio assistito: la questione antropologica

Il suicidio assistito, uno tsunami che ci parla di morte