La scuola deve essere e restare libera dalle imposizioni del gender

Credo che l’unica sia frantumare le sovrastrutture della non conoscenza:

  • La responsabilità educativa spetta ai genitori (art 30 cost)
  • La scuola deve essere libera, non è dello stato ne della chiesa (art. 33 cost)
  • sono i genitori che devono e possono scegliere liberamente i principi educativi dei figli non altri (art 26 dichiarazione universale dei diritti dell’uomo)

Spiace che la signora Grassadonia non sappia che la scuola italiana (cattolica) da decenni forma all’integrazione, alla non discriminazione, frequentata da ragazzi di varie religioni e orientamenti. Venga a trovarci, veda e poi ci dirà. Lei che parla in pubblico (quindi ha una doppia responsabilità educativa) la prego venga a farsi un’idea sul campo!

L'articolo continua dopo questa richiesta di aiuto...
SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

*Ma vi supplico chi parla al pubblico NON parli per luoghi comuni *(per sentito dire, senza conoscere) confonde proprio i ragazzi, i più fragili, che restano spaventati e rifiutano la vita!

SOSTIENI QUESTO SITO. DONA ORA con PayPal, Bancomat o Carta di credito

   

I ragazzi sono confusi e spaventati da adulti che dicono di averli a cuore invece gli stanno rubando la vita, la gioia di vivere !
VI SUPPLICO FERMATEVI, studiate, approfondite ciò di cui parlate!

1️⃣ Il problema della scuola italiana è che la libertà educativa i genitori la devono pagare due volte con le tasse prima e le rette poi!

❓ È chiaro o no che sono i poveri i più danneggiati?!
È chiaro o no che le scuole paritarie serie, quelle dei poveri, cadono sotto la scure dell’ideologia?
È chiaro o no che state dividendo il paese fra ricchi che possono e poveri che debbono accontentarsi e sono schiavi delle logiche assurde ?

E’ chiaro o no che la scuola non è un luogo di interessi terzi: prima dei politici (che ne fanno il bacino elettorale) poi dei sindacati (il luogo del tesseramento) della burocrazia (che si nutre dello spreco 8.500 costa un allievo alle tasse dei cittadini… soldi spesi male) Ora di quanti la Pensano un luogo di indottrinamento e vogliono sia così per legge?

*È chiaro o no che il pensiero unico è pericoloso? *

2️⃣ Secondo spiace si dimentichi che l’autonomia scolastica in italia è scritta sulla carta ma de facto ne la statale è autonoma ne la paritaria è libera, schiave entrambe dei tre poteri ora aggiungiamo il quarto…. avanti così verso la distruzione del pensiero critico!

3️⃣ Terzo spiace a questo punto, pensare che l’ultima parola sia, chi potrà permettersi la scuola libera pagando avrà diritto all’istruzione libera gli altri si debbono far andare bene tutto!

La scuola torna ad essere un imbuto?

Ho dovuto chiudere gli occhi ieri e raccogliermi perché sentivo su di me il dramma dei poveri che da decenni si vedono preclusa la libertà educativa e ieri forse avranno inteso che : Volete la libertà? pagatevela. *NON puoi? Arrangiati! *

Sarò sempre al fianco dei poi poveri, dei più fragili contro il pensiero unico!

Grazie di cuore andiamo avanti con coraggio
suor Anna Monia

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014