Se non avete visto la lepre… vi stancherete (Padre Geppo Arione)

Nelle battute di caccia alla lepre all’inizio tutti corrono.
I cani corrono, i fantini con i fucili corrono. La lepre scappa.
I cani che han visto la lepre veramente sono decisi, non si stancano, corrono, corrono.
Quelli dietro li seguono vedendo tutti correre.
Dopo un po’ pero’ iniziano a dire… chissà se veramente han visto la lepre… chissà dove è ora… chissà se era una lepre…
ma chi me lo fa fare, tutta sta corsa e poi? e se la lepre non c’è?
E pian piano il gruppo diventa piu’ piccolo.
Sempre piu’ piccolo.
Qualcuno si accontenta di abbaiare a un uccellino.
Qualcuno si accontenta di annusare in qualche cespuglio.
Qualcuno torna proprio indietro.
Qualcuno dice addirittura “le lepri non esistono e se esistono non sono buone”.
Meglio il cibo in scatola. Meglio morire di fame…
Ma chi ha visto la lepre continua a correre.
Non si stanca perchè la lepre esiste e ne vale la pena seguirla.
Che poi lo scopo dei cani da caccia non è mangiare la lepre ma raggiungerla.
Così è con Dio. Chi vuol trovare Dio, chi vuol trovare Gesù (vero uomo e vero Dio) deve “vederlo”, fare esperienza di Dio, fare come diceva Ratzinger agli atei: “il mondo ha bisogno piuttosto di viverecome se Dio esistesse“, anche se non c’è la forza di credere” , diceva loro di provare e vedere. Vieni e vedi. Chiedi e ottieni. FIdati e sperimenta che Dio ti è vicino.
Tanti cristiani si perdono, perdono la fede perchè non hanno visto la lepre…
Se non vuoi fermarti cerca la lepre…
Appena vedrai la lepre avrai una forza che nulla potrà stancarti.
Fidati.
(elaborazione da un racconto celebre di Padre Geppo, a cura di Paolo Botti)