in

Sentinelle in piedi – Veglia per la libertà di espressione

Torino, 29 marzo 2014 – 
Piazza Carignano – ore 16-17

Il disegno di legge “Scalfarotto” (n. 1052) sull’incriminazione dell’omofobia, è presentato all’opinione pubblica come atto necessario per fermare le discriminazioni contro le persone con tendenze omosessuali.

L'articolo continua dopo questa richiesta di aiuto...
SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

Introduce, tuttavia, norme penali non necessarie perché il nostro ordinamento già punisce qualunque atto di violenza o di aggressione nei confronti di qualsiasi persona, a prescindere dal suo orientamento sessuale. Non solo: gli atti compiuti contro le persone con tendenze omosessuali sono già puniti con maggior severità di quelli compiuti contro le persone eterosessuali, perché integrano l’aggravante dei motivi abbietti (art. 61, n. 1 c.p.), applicabile ad ogni reato.

SOSTIENI QUESTO SITO. DONA ORA con PayPal, Bancomat o Carta di credito

   

Il DDL, ora in discussione al Senato, ha invece conseguenze gravissime sulla libertà di espressione e di educazione, previsti nella Costituzione italiana. Con il DDL Scalfarotto può, infatti, essere considerato “omofobo” e, quindi, autore di un delitto:
• chiunque affermi pubblicamente che la famiglia naturale è fondata sull’unione tra uomo e donna;

• chiunque si esprima pubblicamente come contrario al matrimonio tra persone dello stesso sesso;

• chiunque sia contrario all’adozione di un bambino da parte di coppie formate da persone dello stesso sesso.

Manifestiamo in silenzio oggi affinché non ci venga tolta la libertà di parola domani

Sentinelle in piedi – Torino
www.sentinelleinpiedi.it      torinosentinelle@gmail.com

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Lettera agli sposi di Papa Francesco

La Thailandia dice addio all’utero in affitto