fede e spiritualità

La storia dell’abitino di Domenico Savio

Oltre che per i prodigi eclatanti che lo hanno innalzato alla gloria degli altari, San Domenico Savio è venerato da decenni dalle gestanti di tutto il mondo per le grazie ottenute con il cosiddetto “abitino”. […]

fede e spiritualità

I consigli di Don Bosco per prepararsi al Natale

«Domani incomincia la novena del santo Natale. Due cose io vi consiglio in questi giorni.  Ricordatevi sovente di Gesù Bambino, dell’amore che vi porta e delle prove che vi ha dato del suo amore fino […]

Educazione e cultura

10 consigli di don Bosco ai genitori

1. Valorizza tuo figlio. Quando e’ rispettato e stimato, il giovane progredisce e matura. 2. Credi in tuo figlio. Anche i giovani più “difficili” hanno bontà e generosità nel cuore. 3. Ama e rispetta tuo figlio. […]

fede e spiritualità

Un sogno missionario rivelatore (Don Bosco)

L’immensa pianura e gli uomini feroci Tra il 1871 e il 1872 don Bosco fece un sogno nel quale convergono il fervore immaginoso degli anni giovanili in cui vagheggiava di andar missionario e insieme si […]

fede e spiritualità

La grande chiesa sognata da Don Bosco

Nel 1863 don Bosco volle dare principio alla magnifica chiesa di Maria Ausiliatrice, e le maggiori difficoltà gli vennero dal Municipio. Portato il disegno per l’approvazione, il Capo Ingegnere non volle approvarlo dicendo: Ma questo […]

fede e spiritualità

San Domenico Savio: il piccolo gigante dello Spirito

Riva di Chieri, Torino, 2 aprile 1842 – Mondonio, Asti, 9 marzo 1857. Ancora bambino decise quale sarebbe stato il suo progetto di vita: vivere da vero cristiano. Tale desiderio venne accentuato dall’ascolto di una […]

Educazione e cultura

Il somaro di Brina (dalle Memorie di Don Bosco)

Sono un somaro, lo ammetto, non godo di buona fama, a torto, eppure mi ritengo molto più intelligente del mio cugino cavallo, tutto muscoli e poco cervello che però si muove sempre circonfuso da un’aureola […]

fede e spiritualità

Domenico, il ragazzo santo

«Presto, venga con me»  Dicembre 1856. L’aria è fredda perché è già scesa la notte. Don Bosco, nel suo ufficio, sta rispondendo alle lettere arrivate in giornata, di benefattori, di gente che chiede preghiere, di […]