fede e spiritualità

Ortolana (dai Fioretti di Santa Chiara)

Ortolana dei Fiumi, vedova di Favarone, avrebbe desiderato per le proprie figlie un onorato matrimonio. Per ognuna aveva preparato, nel grande pa­lazzo di pietra del Subasio, un cassone di bian­cheria ricamata a punto umbro. In […]

fede e spiritualità

Madonna Povertà (dai Fioretti di Santa Chiara)

Di lì a poco Francesco tolse anche dal monastero di Sant’Angelo la sua se­guace e la destinò alla clausura di San Damiano. Nella Chiesa quasi diruta di San Damiano, il Crocifisso aveva parlato a Francesco, […]

fede e spiritualità

Il pranzo nel bosco (dai Fioretti di Santa Chiara)

Francesco andava e veniva da Santa Ma­ria degli Angeli, mentre Chiara si tro­vava come incarcerata a San Damiano. Sapeva di non sbagliare, facendosi sempre più povera, ma desiderava parlare con Francesco che chiamava suo padre […]

fede e spiritualità

I 4 scritti di San Francesco per Santa Chiara

Forma di Vita   Per divina ispirazione avete voluto farvi figlie e serve dell’altissimo e sommo Re, il Padre celeste e spose dello Spirito Santo, scegliendo la strada della perfezione evangelica. Ebbene, io voglio avere […]

fede e spiritualità

La cenere (dai Fioretti di Santa Chiara)

Chiara insisteva, perché Francesco. visitasse più spesso le « povere donne » di San S. Damiano. Il suo convento era la rocca fortificata della umiltà, della povertà e della castità. I tre voti francescani, in […]

fede e spiritualità

Agnese (dai Fioretti di Santa Chiara)

Il monastero femminile, dove Francesco aveva messo in serbo Chiara, era quello di San Paolo. Dopo pochi giorni la cavò di lì e la ripose nel monastero femminile di sant’Angelo di Panzo, sulle pendici del […]

fede e spiritualità

La figlia di Favarone (dai Fioretti di Santa Chiara)

Chiara era sui diciott’anni. Francesco sui trenta. Chiara usciva da una famiglia no­bile. Francesco era uscito da una famiglia di mercanti. Ad Assisi le famiglie nobili si potevano contare sulle dita d’una mano. C’erano i […]

fede e spiritualità

La porta del morto (dai Fioretti di Santa Chiara)

Quasi tutte le case d’Assisi avevano due porte, che davano sulla strada in pen­dio. Una più grande e larga, con lo sca­lino basso; l’altra più piccola e stretta, con lo scalino altissimo. Le due porte, […]