Tratta per l’impiego in attività illecite

Foto di dinkobraz da Pixabay

Spaccio di sostanze stupefacenti; vendita di prodotti contraffatti; borseggi; furti; vendita di merci rubate e altro. In questo tipo di sfruttamento e tratta vengono impiegati adulti e minorenni, in particolare maschi, originari del Nord Africa (area Maghreb),
dell’Est Europa e del Sudamerica. Le minori, soprattutto rom, sono costrette a effettuare borseggi mentre i maschi sono impiegati
in borseggi e furti in casa, mentre i minori marocchini e sudamericani sono impiegati, secondo quanto emerge dalla ricerca Punto e a capo sulla tratta, per il piccolo spaccio nelle grandi città.

Leggi questa nostra richiesta di aiuto...
SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

Dai seppur pochi casi monitorati e definiti come tratta pare comunque che le varie forme di attività illecite siano proposte tutte, alla stessa persona, a seconda dell’ambito di impiego ritenuto più utile da chi li sfrutta. Le storie delle persone impiegate in questa forma di tratta sono variegate ma un dato che le accomuna tutte è la precarietà in cui vivono e che favorisce l’ingresso nell’impiego in attività illecite.
Il debito, per il viaggio per arrivare in Europa,  da restituire pena la rivalsa sui parenti rimasti in patria, è presente anche in questo settore, così come l’uso della violenza e del ricatto.

Se vieni in contatto con adulti o minori che subiscono sfruttamento e/o chiedono aiuto  non esitare a contattare il 112.
Se vuoi, puoi sostenere la lotta alla tratta
con un aiuto economico agli “Amici di Lazzaro”
PosteItaliane C/C postale 27608157
BancoPosta IBAN:  IT 98 P 07601 01000 0000 27608157

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

L’ascolto che cura le ferite dopo l’aborto

Le prove biologiche dell’esistenza dell’uomo fin dal concepimento (Prima parte)