Tre consigli di Don Bosco ai giovani nel tempo di Pasqua

Tre ricordi ai giovani per conservare il frutto della comu­nione pasquale: “Cari giovani, se volete conservare il frut­to della santa comunione che fate in questo tempo pasquale, praticate questi tre avvisi. Essi renderanno contento il vo­stro cuore e formeranno la felicità dell’anima vostra.
1° Santificate il giorno festivo, non mancando mai di sentire divotamente la Santa Messa ed intervenire ad ascoltare la paro­la di Dio, cioè prediche, istruzioni catechismo.
2° Fuggite come la peste i cattivi compagni; cioè state lontani da tut­ti quei giovani che bestemmiano oppure nominano il santo no­me di Dio invano; fanno o parlano di cose disoneste. Fuggite altresì quelli che parlano male di nostra santa cattolica religione, criticano i sacri ministri e soprattutto il Romano Pontefice Vicario di Gesù Cristo. Siccome é un cattivo figlio quello che censura la condotta di suo padre, così è un cattivo cristiano colui che censura il papa; che é il padre dei fedeli cristiani che sono in tutto il mondo.
3° Accostatevi spesso al sacramento della penitenza. Non lasciate pas­sare un mese senza confessarvi ed anche comunicarvi secondo l’avviso del confessore. Dopo la comunione fermatevi più che potete per ringraziare il Signore e chiedergli grazia di non morire in peccato mortale. Un Dio solo. Se mi è nemico, chi mi salverà? Un’anima sola: se la perde, di me che sarà? Un solo peccato mortale merita l’inferno che sarà di me se moris­si in tale stato? Ascolta, caro figlio, il detto mio: fallace è il mondo, il vero amico è Dio. IV,54-55.

Leggi questa nostra richiesta di aiuto...
SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Burocrazia scolastica. Anche Gesù Maestro cederebbe…

Ha iniziato seppellendo feti abortiti. Oggi e’ padre di piu’ di 100 bambini