Uso dei riti voodoo nella tratta

I riti vodoo (o juju) sono un misto di “medicina” tradizionale e magia nera, aventi carattere protettivo o coercitivo. Tale credenza è particolarmente diffusa nell’Edo.

La peculiarità fondamentale di questi giuramenti è il loro carattere contrattuale, oltre al fatto che creano un controllo psicologico sulle vittime. Le donne spesso ritengono che rompere il giuramento possa causare sfortuna, malattia, pazzia, morte propria o di un familiare.

Dona ora. Grazie!

L'articolo continua dopo questa richiesta di aiuto...
SOSTIENI QUESTO SITO
https://tag.satispay.com/associazioneamicidilazzaro inquadra il QrCode oppure usa il link

Si deve però osservare che tali riti vengono percepiti come oppressivi solo nel momento in cui la donna prova a rompere il patto. Lo scopo del giuramento delle donne è impedire alle vittime di rivelare l’identità dei trafficanti e garantire il saldo del debito contratto.

SOSTIENI QUESTO SITO. DONA ORA con PayPal, Bancomat o Carta di credito

   

Il 9 marzo 2018 la massima autorità religiosa nell’ambito delle credenze vodoo, Oba Ewure II, ha ufficialmente liberato tutte le vittime di tratta dai giuramenti fatti seguendo le cerimonie vodoo. Ad oggi, però, non è chiaro come tale dichiarazione potrà influire sulla situazione delle donne vittime di tratta.

Tratto da: “Nigeria, Rapporto COI” ad opera del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi Roma Tre

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014