in

Utero in affitto. Il Canada conta i profitti

foto di Tumisu da Pixabay

In Canada è illegale pagare una madre surrogata, ma è legale versarle ogni mese generosi”rimborsi” nel corso della gravidanza. L’Assisted Human Reproduction Act, la legge che permette la cosiddetta gestazione surrogata “solidale”, elenca come rimborsabili spese come cibo, vestiti, vitamine,ore di lavoro perse e trasporto. In genere, le transazioni vengono effettuate su un conto corrente gestito da un’agenzia di maternità surrogata. Lo spirito della legge è di evitare anche l’apparenza di una relazione commerciale fra i clienti e la donna. Ma nei fatti il confine fra “gestazione altruistica” e attività retribuita non è netto, e i “rimborsi” – stando a dati del Ministero della Salute canadese – sono aumentati considerevolmente nel corso degli anni, fino a superare i 45mila dollari canadesi per nove mesi. In totale, fra rimborsi alla madre, pagamenti alle agenzie (oltre i 10mila dollari),parcelle legali e clinica della fertilità, un bambino ottenuto con utero in affitto può costare a una coppi oltre 100mila dollari. Da quando la legge è entrata in vigore, nel 2004, oltre Una dozzina di agenzie private di maternità surrogata hanno aperto i battenti intatto il Canada. Per operare non hanno bisogno di una licenza e le loro attività non sono regolamentate dal governo federale. Competono per reclutare abbastanza donne per soddisfare un numero crescente d’aspiranti genitori, provenienti anche dall’estero. Le stesse agenzie stimano di aver portato alla nascita lo scorso anno circa 400 bambini. Erano 249 nel 2017 e116 quattro anni prima. In una recente inchiesta la rete pubblica Cbc l’ha definito un «settore fiorente in cui le agenzie mancano di supervisione e trasparenza».Se la legge aveva lo scopo di prevenire la commercializzazione della maternità surrogata, la forte domanda ha portato infatti a una realtà ben diversa. La Cbc e altri media canadesi (La Presse, Le Devoir)raccontano di numerose famiglie che hanno versato dai duemila ai tremila dollari al mese alle donne che portavano in grembo il “loro” bambino ottenendo dall’agenzia ricevute parziali, duplicate o con date precedenti la gravidanza. Era chiaro che gli scontrini erano solo una copertura in caso di controlli. Le madri, da parte loro, raccontano di essere state reclutate dalle agenzie con la promessa di un lavoro retribuito. Il sito dell’agenzia JASurrogacy, ad esempio, dice chiaramente che una madre surrogata può aspettarsi di ricevere fino a25mila dollari nel corso della gravidanza, oltre alle«spese effettivamente sostenute».Le cifre sono molto cresciute da giugno, quando il Ministero alla Salute ha autorizzato anche il rimborso di «ore di lavoro perse» e persino delle spese relative agli animali domestici. Intanto la senatrice Monolucido ha presentato al Senato federale un disegno di legge che eliminerebbe il divieto di retribuire la maternità surrogata. Una misura simile è stata depositata alla Camera dal deputato liberale Anthony Housefather. «Il Canada è già diventato una delle destinazioni privilegiate del turismo della procreazione su scala internazionale», denuncia l’Associazione per i diritti delle donne del Quebec, che ha chiesto al Senato di non permettere la commercializzazione della gravidanza per conto terzi.Il gruppo fa notare che il mercato degli uteri in affitto si svolge soprattutto sulle reti sociali, dove le agenzie cercano aggressivamente donne in età fertile. La situazione preoccupa anche alcuni medici, come John Kingdom, ginecologo al Mount Sinai Hospital di Toronto, che dice di aver seguito numerose donne che, per ragioni economiche, avevano affittato il ventre due o tre volte consecutive. «È un ritmo pericoloso per la salute di ogni donna, mi preoccupa chela legge non preveda consulenze mediche o psicologiche per le madri surrogate preliminari alla firma di un contratto».
Elena Molinari Avvenire

L'articolo continua dopo questa richiesta di aiuto...
SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

SOSTIENI QUESTO SITO. DONA ORA con PayPal, Bancomat o Carta di credito

   

Sud Sudan: un bambino su cinque rischia la vita per la fame

La conversione di Manisha, nata nel giorno della Madonna