Il mondo è da ricostruire

Hanno distrutto la fiducia nei vaccini imponendoli (oggi solo il 60% delle persone sta vaccinando) e nella sanità improvvisando e impedendo a molti medici di visitare i malati.
Ora distruggono l’ultima fiducia rimasta nella sanità pubblica con liste di attesa infinite e visite lampo nel privato.
Hanno distrutto i social inserendo personale governativo in Facebook, Google, Wikipedia, Twitter e forse altri social.
Hanno distrutto la fiducia nei sindacati, che non si sono opposti a lasciare lavoratori senza paga per non essersi vaccinati con un vaccino non definitivo che ha funzionato pochissimo e non era indispensabile ai sani.
Hanno distrutto la fiducia nel giornalismo che su pandemia e guerra è prono ai potenti. (salviamo Santoro, Travaglio, LaVerità, Borgonovo, Porro e Giordano).
Hanno distrutto la fiducia dei giovani nel futuro, bombardandoli di notizie allarmistiche apocalittiche sull’ambiente: le stesse che avevamo noi 30 anni fa ma il mondo oggi è piu’ sano, ricco e sviluppato di allora.
Hanno distrutto la famiglia, con bombardamento media e culturale contro la famiglia stabile, contro i figli, contro le tradizioni, contro i valori del passato. Ora i giovani sono piu’ fragili e soli, perfetti consumatori e sudditi.
Hanno depotenziato la Chiesa, denigrandola, dividendola, introducendo idee e concetti modernisti, non moderni, in una rincorsa insensata delle idee del mondo. Forse comprando perfino la compiacenza di pastori infedeli.
Hanno distrutto la pace fra i popoli, fra le famiglie, fra amici,
Hanno programmato tutto e distrutto. Ora ricostruiamo.
Con preghiera, cultura, amore, fiducia e speranza in Dio.

La mitologia demografica contemporanea (Gérard-François Dumont)

Testamento spirituale del Padre Christian de Chergé (martire in Algeria)