Il perdono ci fa vivere meglio (Silvana De Mari)

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Parliamo del perdono. Il perdono ci fa vivere meglio. Perdonare non vuol dire “non mi hai fatto del male”, vuol dire che lascio andare, che non permetto al fatto che tu mi abbia fatto del male di continuare a farmi del male. Perdonare non vuole assolutamente dire rinunciare alla giustizia, al contrario, quindi la giustizia deve esserci, ma il perdono serve a noi. Se non perdoniamo, viviamo per tutta la vita stringendo al petto un nido di calabroni. E poi… “ti ho perdonato, riconosco la tua umanità, qualsiasi sia stata la tua colpa, riconosco la tua umanità e quindi anche la mia”.

Ci sono cose a cui non si può rinunciare; una di queste e il perdono e la seconda è la gratitudine. Con queste due armi noi riusciamo a vivere qualsiasi cosa succeda; sono i due pilastri dei tre necessari per essere sempre capitani della nostra anima. E il terzo è “fai meglio che puoi con quello che hai. Piantala di lamentarti per quello che non hai: non ce l’hai, è andata così; sfrutta al massimo quello che hai, sfrutta al massimo il tuo talento anche se magari è uno solo! Perdono e gratitudine ad ogni passo e fai il meglio che puoi con quello che hai.”
Silvana De Mari

“L’ultimo Elfo” è il primo libro di una saga adatta a ragazzi (dai 9 anni in su) ed adulti, che parte dal fantasy per raccontare la bellezza della vita e del lottare per essa. Ogni personaggio è imperfetto ma vince i suoi limiti quando si lascia amare e travolgere dal bene. Una saga meravigliosa, non a caso tradotta in tutto il mondo, da cui speriamo un giorno vengano fatti dei film.
QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO ONLINE:
Silvana De Mari – “L’Ultimo Elfo” Salani
https://www.salani.it/libri/lultimo-elfo-9788884519511

Proteggi la libertà di parola e di opinione.
COMPRATE I LIBRI SEMPRE DALLE CASE EDITRICI O DALL’AUTORE.
Evitiamo le grandi multinazionali di distribuzione prima che diventino monopoliste.

Io mi chiamo Joseph è una storia di accoglienza, di vite complicate, di rinascita grazie a un bambino.
Da leggere dai 10 anni in su.

QUI PER ACQUISTARLO ONLINE:
https://www.edizioniares.it/it/prodotti/narrativa/io-mi-chiamo-josep

Caratteristiche demografiche della comunità nigeriana in Italia (2018)

Un aiuto alle donne vittime di sfruttamento: progetto 50×100