I paesi che vogliono abolire la prostituzione e aiutare le donne che la lasciano

Image by StockSnap from Pixabay

In Islanda, dal 2009 la legge islandese in materia di prostituzione punisce con la reclusione fino a 2 anni chiunque paghi per prestazioni sessuali, e con la reclusione fino a 6 anni chiunque traggga profitto dalla prostituzione altrui.
(Legge n. 19/2009, nota anche come “Legge sulla lotta alla prostituzione e alla pornografia”)

In Svezia, la prostituzione è illegale dal 1999. La legge svedese punisce penalmente chi paga per sesso, ma non le persone che lo offrono. L’obiettivo della legge svedese è quello di combattere la domanda di prostituzione e ridurre il traffico sessuale. (SFS 1998: 408)

In Norvegia, la prostituzione è stata bandita nel 2009. La legge norvegese punisce i clienti di servizi sessuali con sanzioni penali. L’obiettivo della legge è quello di ridurre la domanda di prostituzione e proteggere le persone coinvolte nella prostituzione.
(lov om forbud mot kjøp av seksuelle tjenester 1 gennaio 2009)

In Canada, la prostituzione è stata legalmente vietata nel 2014. La legge canadese punisce con la reclusione chiunque paghi per prestazioni sessuali, e con la reclusione fino a 10 anni chiunque traggga profitto dalla prostituzione altrui. La legge è stata introdotta per ridurre il traffico sessuale e proteggere le persone coinvolte nella prostituzione. (Protection of Communities and Exploited Persons Act 6/12/2014)

In Irlanda, l’atto sulla criminalizzazione dell’acquisto di servizi sessuali del 2017 ha reso illegale l’acquisto di servizi sessuali, mentre la prostituzione in sé non è penalizzata. Ciò significa che le persone coinvolte nella prostituzione non sono perseguite, ma coloro che pagano per i servizi sessuali possono essere multati o arrestati.
(Criminal Law (Sexual Offences) Act 2017, entrato in vigore il 27 marzo 2017)

In Scozia, l’acquisto di servizi sessuali è stato reso illegale dal Prostitution (Public Places) Scotland Act 2007. Ciò significa che è illegale acquistare sesso in qualsiasi luogo pubblico in Scozia. Inoltre, l’adozione di una legislazione nazionale per la protezione delle vittime di tratta di esseri umani nel 2015 ha reso ancora più difficile la gestione della prostituzione da parte dei trafficanti.

In Francia la prostituzione in sé non è illegale, ma la legge francese del 2016 ha introdotto una serie di misure che mirano a combattere la tratta di esseri umani e la sfruttamento sessuale. In base a questa legge, l’acquisto di servizi sessuali è punito con una multa, mentre la prostituzione in sé non lo è. La legge mira a proteggere le vittime della tratta, mentre allo stesso tempo a combattere i traffici illeciti e la criminalità organizzata.

In Northern Ireland, la legge che regolamenta la prostituzione è il Criminal Justice (NI) Order 2008. Questa legge non legalizza la prostituzione, ma la regolamenta in modo da penalizzare i clienti invece di chi si prostituisce

In Corea del Sud: La legge sudcoreana contro l’acquisto di servizi sessuali è stata adottata nel 2004 (Special Law on Prostitution Punishment and Prevention).

In Taiwan: La legge taiwanese contro la prostituzione è stata adottata nel 1991 (Prostitution Prevention Act). (DA VERIFICARE)

In Spagna si sta discutendo una legislazione abolizionista della prostituzione che sanzioni i clienti.
In Italia c’è una proposta di legge (Maiorino) sul modello abolizionista svedese

Ha senso per un cattolico il concetto di kharma?

Grazie Signore perché dopo l’esaurimento mi concedi questa malattia