Caratteristiche sociodemografiche nella comunità ucraina (2022)

Foto di jorono da Pixabay

Quella della collettività ucraina in Italia è una storia migratoria piuttosto recente, nonostante la presenza rilevante nel nostro Paese. Con la caduta dell’Unione Sovietica e l’effettiva indipendenza dell’Ucraina (1991), cominciarono i primi flussi migratori in uscita dal Paese, un esodo innescato soprattutto dall’innalzamento esponenziale del costo della vita e dalla mancanza di opportunità lavorative.

Per rispondere alla mancanza di manodopera dei Paesi europei, questa emigrazione assunse da subito una connotazione di genere: gli uomini verso Spagna, Portogallo e, soprattutto, Russia, mentre le donne ucraine intercettarono la crescente domanda di lavoro domestico e di cura in altre nazioni, tra cui l’Italia. Inizialmente contraddistinta da una diffusa irregolarità e instabilità, la situazione di queste lavoratrici cambiò con le regolarizzazioni che seguirono all’adozione della legge 189/2002 (c.d. “legge Bossi-Fini”), che consentì l’emersione di molti cittadini ucraini dal lavoro nero e grigio e contribuì definitivamente a consolidare la comunità come una delle più numerose in termini di presenze sul territorio italiano.

Ricongiungimenti familiari e nuovi ingressi hanno contribuito ad attenuare gradualmente lo squilibrio di genere all’interno della comunità, con sempre più minori e uomini a unirsi alle numerose donne presenti nel Paese da tempo. Questo processo, ancora in atto, subirà probabilmente un’ulteriore spinta a causa del tragico conflitto in atto nell’ex repubblica sovietica, che a partire da febbraio 2022 vede l’esercito ucraino resistere all’invasione di quello russo.

Gli ucraini regolarmente soggiornanti in Italia sono 230.373 al 1° gennaio 2022, una presenza che colloca la comunità in quarta posizione per numerosità tra le principali di cittadinanza non UE. I cittadini ucraini rappresentano il 6,5% del complesso della popolazione non comunitaria, a fronte di una crescita demografica del 3% circa rispetto al 2021.

SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

La piramide dell’età della comunità ucraina in Italia mostra una distribuzione per classi di età più sbilanciata rispetto alla popolazione italiana, con un’età media più alta e meno minori. Si registra infatti un’incidenza maggiore delle classi di età più anziane, con una quota di over 60 quasi tripla rispetto al complesso dei non comunitari: il 29% circa, contro il 10,2% per il totale degli extra UE. Il dato mette in luce un fenomeno socio-lavorativo ben noto: sempre più frequentemente, infatti, donne ucraine in età avanzata vengono in Italia per sopperire alla mancanza di forza lavoro nei mestieri di cura alla persona, una domanda in continua crescita a causa dell’invecchiamento della popolazione
italiana. La collettività ha di conseguenza un’età media molto alta (52 anni), da leggere insieme a un disequilibrio di genere estremamente marcato (le donne rappresentano il 79% della comunità).

Relativamente alla distribuzione geografica, il 54,7% dei cittadini ucraini in Italia si trova nel Nord del Paese e in particolare in Lombardia, prima regione per presenze ucraine, che ne accoglie il 22,6% (contro il 26% circa della popolazione non comunitaria complessivamente considerata); segue la Campania che col 17,5% delle presenze, risulta la seconda regione di residenza per i cittadini della comunità (a fronte dell’11,3% rilevato per la popolazione extra UE complessivamente considerata). In terza posizione troviamo invece l’Emilia-Romagna con il 14% circa delle presenze ucraine complessive. Risiede nel centro Italia il 20% della popolazione ucraina regolarmente soggiornante in Italia: in particolare, oltre la metà – il 10,7% delle presenze ucraine complessive – si trova nel Lazio. Contraddistingue la comunità in esame una presenza al Sud superiore alla media (25,3%, contro il
14,6% di media non comunitaria), sebbene vada sottolineato come la presenza nelle altre regioni sia residuale e la maggior parte della comunità sia appunto concentrata in Campania.

Testo da
Rapporti annuali sulle comunità migranti in Italia, curati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali-Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione con la collaborazione di ANPAL Servizi SPA,

Dona ora per chi ha bisogno. Grazie!

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

I libri sul comunismo consigliati da Pierluigi Battista

Lavoro, istruzione e welfare nella comunità indiana in Italia (2022)