More stories

  • in

    Lettera a chi ha perso una amica (Sant’Ignazio di Loyola 6 dicembre 1524)

    Nel 1522 Ignazio di Loyola aveva lasciato il suo mondo agiato, per seguire la voce misteriosa che lo chiamava verso mete ancora ignote. Mentre si recava da Monserrato a Manresa incontrò Agnese Pasqual. Il pellegrino 1e domandò dove si trovasse l’ospedale. La richiesta fu talmente umile che quella donna ne rimase profondamente colpita. Nacquero subito, […] continua

  • in

    Lettera sul carisma di discernimento (Sant’Ignazio di Loyola 12 febbraio 1536)

    La riconoscenza aveva spinto Ignazio a scrivere una lunga lettera a Isabella Roser (leggi qui). Nella presente al Cassador ritroviamo lo stesso sentimento di gratitudine e questa volta nei riguardi dell’intera città di Barcellona. Il Cassador era arcidiacono di Barcellona e sarà nominato vescovo della stessa città nel 1546. Proveniva da famiglia germanica il suo […] continua

  • in

    Lettera di Sant’Ignazio a una sua grande benefattrice a Barcellona (novembre 1532)

    Una premessa, al testo della letteraIsabella Roser altri dicono Rosell o Rosès discendente dalla famiglia catalana dei Ferrer, vide Ignazio a Barcellona per la prima volta (inizio 1523) nella chiesa dei santi Giusto e Pastore, seduto fra i ragazzi, sui gradini dell’altare. Lo fissò attentamente a più riprese, ne notò la modestia e l’atteggiamento sicuro […] continua

  • in

    Lettera sull’obbedienza (Sant’Ignazio di Loyola, 29 luglio 1547)

    IHS La grazia e l’amore di Gesù Cristo N.S. vivano sempre e aumentino nelle nostre anime. Amen. L’obbligo in cui mi pone l’ufficio tanto pesante che mi è stato affidato, l’amore e i desideri che Dio nostro Creatore e Signore si degna darmi, conformi a tale obbligo, per desiderare sempre più e, conseguentemente, considerare quanto […] continua