More stories

  • in

    I senza fissa dimora sono in grado di vivere una “vita normale”?

    Un ulteriore elemento di pregiudizio, diffuso purtroppo anche fra molti operatori, è che le persone senza dimora, senza un adeguato percorso rieducativo, non siano in grado di condurre nuovamente da subito una “vita normale” , mantenendo una casa, un lavoro e delle relazioni in autonomia. I dati dicono chiaramente che questa difficoltà, se generalizzata come […] continua

  • in ,

    Cosa abbiamo fatto nel 2013 per aiutare le famiglie

    Carissimi amici, amiche, volontarie e volontari, sostenitori e simpatizzanti dell’associazione, il 2013 volge al termine e si può fare un primo bilancio dell’anno. Con alcuni articoli vorrei rendere conto di quel che si è fatto nelle varie iniziative degli Amici di Lazzaro. La crisi che avvolge il paese e la nostra Torino, si è fatta sentire […] continua

  • in

    Persone senza dimora. Dati Istat

    Nel 2014 è stata realizzata la seconda indagine sulla condizione delle persone che vivono in povertà estrema, a  seguito di una convenzione tra Istat, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Federazione italiana degli  organismi per le persone senza dimora (fio.PSD) e Caritas Italiana. Si stimano in 50 mila 724 le persone senza dimora che, […] continua

  • in

    Tante conversioni e battesimi tra i cinesi. Servono missionari

    Ogni anno a nella notte di Pasqua, centinaia di adulti vengono battezzati nella sola cattedrale di Pechino, dedicata all’Immacolata Concezione.Vengono avvolti in un mantello bianco, simbolo di purezza come avviene coi bambini, li accompagnano da padrini e madrine e i catechisti. A volte nemmeno i familiari lo sanno. Lo stesso rito avviene in tutte le […] continua

  • in

    Giovane nigeriana, dalle tenebre della tratta alla luce della fede

    “Il Signore solleva l’indigente dalla polvere, dall’immondizia rialza il povero, per farlo sedere con i principi, con i principi del suo popolo”. Le parole del Salmo 112 sembrano scritte proprio per Elisabetta, una ragazza nigeriana di 22 anni, portata via dal suo Paese, costretta a prostituirsi, ridotta in schiavitù, fino a che riesce a ribellarsi […] continua

  • in

    Il grande affamatore del XX secolo (Bruto Maria Bruti)

    Nel decennio 80-90 quasi tutte le vittime della fame nel mondo si sono concentrate nell’ Africa e precisamente in quei paesi africani che hanno avuto un regime politico comunista o socialista: l’Etiopia, il Madagascar, il Mozambico, l’Angola. Scrive Jean Francois Revel che nessuno ha il coraggio di dire che il grande affamatore del XX secolo […] continua

Carica altri articoli
Congratulations. You've reached the end of the internet.