Il fenomeno del lavoro forzato (2024)

Foto di Phuong Nguyen da Pixabay

Il lavoro forzato, come stabilito nella Convenzione dell’OIL sul lavoro forzato del 1930 (n. 29),1 si riferisce a “tutto il lavoro o il servizio che è richiesto a qualsiasi persona sotto la minaccia di qualsiasi pena e per la quale detta persona non si sia offerta volontariamente”.
Ci sono 27,6 milioni di persone in situazioni di lavoro forzato in un dato dato giorno. Questo numero assoluto si traduce in 3,5 persone costrette al lavoro forzato per ogni migliaia di persone nel mondo. Le donne e le ragazze costituiscono 11,8 milioni del totale lavoro forzato. Più di 3,3 milioni di persone costrette al lavoro forzato sono bambini.

Il lavoro forzato è cresciuto negli ultimi anni. Un semplice confronto con le stime globali del 2016 indicano un aumento di 2,7 milioni del numero di persone nel lavoro forzato tra il 2016 e il 2021, il che si traduce in un aumento della prevalenza del lavoro forzato dal 3,4 al 3,5 per mille persone nel mondo. L’aumento del numero di persone costrette al lavoro forzato è stato determinato interamente dal lavoro forzato nell’economia privata, sia nello sfruttamento sessuale commerciale forzato che nel lavoro forzato in altri settori.

I primi mesi della pandemia di COVID-19 sono stati accompagnati da diffuse segnalazioni di lavoro forzato legato alla crisi. Interruzioni del reddito a causa della pandemia ha portato a un maggiore indebitamento tra i lavoratori e con esso di un aumento della schiavitù per debiti tra alcuni lavoratori che non hanno accesso a canali di credito. La crisi ha provocato anche un peggioramento delle condizioni di lavoro per molti lavoratori, in alcuni casi portando al lavoro forzato. Eppure si sa poco
sull’evoluzione dei rischi legati al lavoro forzato dai primi mesi della crisi, poiché nella maggior parte dei paesi sono state gradualmente eliminate le rigide chiusure dei luoghi di lavoro in tutta l’economia.
E l’economia mondiale ha iniziato la sua fragile ripresa. Ci sono molte ragioni per preoccupazione al riguardo. La Banca Mondiale indica che la povertà estrema, un importante parametro del rischio di lavoro forzato, rimane molto più alta rispetto al periodo pre-pandemia traiettoria e le relazioni dell’OIL riferisce che la ripresa dell’occupazione è in fase di stallo in gran parte del mondo.

Nessuna regione del mondo è risparmiata dal lavoro forzato. L’Asia e il Pacifico sono ospitano oltre la metà del totale mondiale (15,1 milioni), seguiti da Europa e l’Asia centrale (4,1 milioni), l’Africa (3,8 milioni), le Americhe (3,6 milioni) e gli Stati arabi (0,9 milioni). Ma questa classifica regionale cambia considerevolmente quando il lavoro forzato è espresso in proporzione alla popolazione. Con questa misura, il lavoro forzato è più alto negli Stati arabi (5,3 per mille persone), seguiti dall’Europa, l’Asia centrale (4,4 per mille), le Americhe, l’Asia e l’Asia del Pacifico (entrambi al 3,5 per mille) e l’ Africa (2,9 per mille).

SOSTIENI GLI AMICI DI LAZZARO E QUESTO SITO.
Abbiamo davvero bisogno di te!
IBAN (BancoPosta intestato ad Amici di Lazzaro)
IT98P 07601 01000 0000 27608 157
PAYPAL Clicca qui (PayPal)
SATISPAY Clicca qui (Satispay)

Il lavoro forzato è una preoccupazione indipendentemente dalla ricchezza di un paese. Più della metà
di tutto il lavoro forzato si verifica nei paesi a reddito medio-alto o ad alto reddito. Se si tiene conto della popolazione, il lavoro forzato è più alto nei paesi a basso reddito(6,3 per mille persone) seguiti da paesi ad alto reddito(4,4 per mille). La maggior parte del lavoro forzato avviene nell’economia privata. L’ottantasei per cento dei casi di lavoro forzato sono imposti da attori privati: il 63 per cento nel settore privato dell’economia in settori diversi dallo sfruttamento sessuale a fini commerciali e il 23 per cento
dallo sfruttamento sessuale commerciale forzato. Conti del lavoro forzato imposto dallo Stato per il restante 14 per cento delle persone costrette al lavoro forzato.

Il lavoro forzato tocca praticamente tutti i settori dell’economia privata. I cinque che rappresentano la maggior parte del lavoro forzato totale degli adulti (87%) sono servizi (esclusi i lavori domestici), industria manifatturiera, edilizia, agricoltura (esclusa la pesca) e il lavoro domestico. Altri settori detengono quote minori, ma ciononostante, rappresentano ancora centinaia di migliaia di persone. Questi includono lavoratori adulti che sono costretti a scavare alla ricerca di minerali o a svolgere altre attività minerarie e lavori di estrazione, pescatori intrappolati nel lavoro forzato a bordo dei pescherecci, persone costrette a chiedere l’elemosina per strada e persone costrette ad attività illecite.

La composizione del lavoro forzato differisce da quella del lavoro in vari modi. La percentuale di migranti nel gruppo di persone in lavoro forzato è molto più alta della percentuale di migranti sul mercato. Ci sono anche relativamente più uomini tra i lavoratori nel lavoro forzato rispetto alla forza- lavoro in generale. Le persone costrette al lavoro forzato hanno maggiori probabilità nel settore manifatturiero, e molto più probabile che lo siano nel settore delle costruzioni, rispetto alla forza-lavoro complessiva. Le persone vittime di sfruttamento da lavoro forzato sono sottoposte a molteplici forme di coercizione per costringerli a lavorare contro la loro volontà. La sistematica e deliberata trattenuta dei salari, utilizzata dai datori di lavoro abusivi per costringere i lavoratori a rimanere in un posto di lavoro per paura di perdere i guadagni maturati, è la forma più comune di coercizione, subita dal 36 per cento delle persone costrette al lavoro forzato. Questo è seguito dall’abuso di vulnerabilità attraverso la minaccia di licenziamento, che è stato sperimentato uno su cinque di coloro che sono ai lavori forzati. Forme più gravi di coercizione, tra cui reclusione forzata, la violenza fisica e sessuale e la privazione dei diritti di base sono meno comuni ma non trascurabili.

Il lavoro forzato nell’economia privata ha un’importante dimensione di genere.
Le donne costrette al lavoro forzato hanno molte più probabilità rispetto ai loro colleghi maschi di
lavoro domestico, mentre gli uomini sottoposti al lavoro forzato hanno molte più probabilità nel settore delle costruzioni. Le donne hanno maggiori probabilità di essere costrette attraverso il mancato pagamento del salario e l’abuso della vulnerabilità, e gli uomini attraverso minacce di violenza e
sanzioni pecuniarie. Le donne hanno anche maggiori probabilità degli uomini di essere sottoposte a
violenze fisiche e sessuali e minacce contro i familiari.

I lavoratori migranti sono esposti a un rischio maggiore di lavoro forzato rispetto agli altri lavoratori.
La prevalenza del lavoro forzato dei lavoratori migranti adulti è più di tre volte superiore a quella dei lavoratori adulti non migranti. Questa cifra chiarisce che quando i lavoratori migranti non sono tutelati dalla legge o non sono in grado di esercitare i loro diritti, la migrazione è irregolare o scarsamente regolamentata, o in cui le pratiche di assunzione sono ingiusti o non etici, la migrazione può portare a situazioni di vulnerabilità nel lavoro forzato

Immagine

SOSTIENICI CON IL 5 per MILLE: 97610280014

Si stima che 6,3 milioni di persone si trovino in situazioni di sfruttamento sessuale in qualsiasi momento. Il genere è un fattore determinante: quasi quattro persone su cinque intrappolate in queste situazioni sono ragazze o donne. Il dramma dei bambini sottoposti al lavoro forzato esige urgenza. Un totale di 3,3 milioni di bambini si trovano in situazioni di lavoro forzato, pari a circa il 12% di tutti coloro che sono sottoposti a lavoro forzato. E grazie ai dati, questi numeri già allarmanti, potrebbero essere solo la punta dell’iceberg. Il lavoro forzato dei bambini costituisce una componente del lavoro minorile, che la comunità internazionale – attraverso l’obiettivo 8.7 del programma Obiettivi di sviluppo sostenibile – si è impegnata a terminare entro il 2025.

Il lavoro forzato dei bambini si verifica in un’ampia gamma di settori economici e industrie. Oltre la metà di tutti i bambini costretti al lavoro forzato sono vittime di sfruttamento sessuale a fini commerciali. Il lavoro domestico, l’agricoltura e l’industria manifatturiera sono tra i molti altri settori in cui si trovano bambini costretti al lavoro forzato. I rapporti qualitativi indicano che i bambini possono essere soggetti a gravi forme di coercizione e abuso, tra cui rapimento, droga, prigionia, inganno e manipolazione del debito. Alcuni dei peggiori abusi si verificano in situazioni di conflitto armato.

Le stime globali del 2021 indicano che 3,9 milioni di persone sono costrette al lavoro forzato imposto dallo Stato in qualsiasi momento. I maschi costituiscono più di tre quattro persone in condizioni di lavoro forzato imposte dalle autorità statali, mentre l’8 per cento di coloro che sono costretti ai lavori forzati imposti dallo Stato sono bambini. Oltre la metà (55%) di tutti i casi si tratta di una qualche forma di abuso del lavoro forzato in carcere, il 27 per cento comportano l’abuso della coscrizione obbligatoria e il 17 per cento comporta il lavoro forzato per lo sviluppo economico o per lavoro che esulano dai normali obblighi civici.

from “Global Estimates of Modern Slavery
Forced Labour and Forced Marriage”
© International Labour Organization (ILO), Walk Free, and International
Organization for Migration (IOM) 2022

This translation was not created by the ILO, Walk Free or
IOM and should not be considered an official ILO, Walk Free or IOM translation. The ILO, Walk
Free and IOM are not responsible for the content or accuracy of this translation.

Dona ora per chi ha bisogno. Grazie!

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Chiesa: realta’ divina-umana (Bruto Maria Bruti)

Il lavoro forzato per debiti (servitù) nel 2024