Il lavoro forzato per debiti (servitù) nel 2024

Foto di 1820796 da Pixabay

La schiavitù per debiti si verifica quando le persone sono costrette a lavorare contro la loro volontà per ripagare un debito con un datore di lavoro o un reclutatore, o quando il debito viene manipolato per costringere le persone a svolgere compiti lavorativi o accettare condizioni di lavoro che altrimenti rifiuterebbero. Tali debiti possono durare anni o addirittura generazioni. Possono essere manipolati in modi che rendono impossibile il loro insediamento.
I fattori che portano alla schiavitù per debiti variano. Shock improvvisi, come la perdita del lavoro, possono obbligare i lavoratori senza risparmi o accesso ai mercati del credito formali a rivolgersi a prestatori predatori che offrono prestiti a condizioni equivalenti alla schiavitù del debito. Altri, già indebitati, possono essere costretti a offrire il loro lavoro o quello di un familiare per onorare i loro debiti quando non sono in grado di farlo con altri mezzi. Altri ancora cadono nella schiavitù del debito a causa di tasse esorbitanti, salari trattenuti e altre pratiche coercitive di reclutatori o datori di lavoro predatori. I migranti, in particolare, sono suscettibili di dover contrarre ingenti debiti per pagare costi esorbitanti legati al reclutamento e alla migrazione per assicurarsi un lavoro nei paesi di destinazione. Forme tradizionali più rare ma persistenti di servitù per debiti includono le persone nate indebitate
schiavitù attraverso debiti presumibilmente accumulati dai loro antenati.
Un quinto delle persone che si trovano nello sfruttamento del lavoro forzato si trova in situazioni di schiavitù per debiti. Mentre le stime globali indicano il verificarsi della schiavitù per debito in tutti i settori, la sua importanza relativa varia considerevolmente da uno all’altro. La schiavitù per debiti è più evidente nel settore minerario, agricolo e delle costruzioni, dove rispettivamente il 43%, il 31% e il 27% di tutto il lavoro forzato i cui casi riguardano la servitù per debiti.

La servitù per debiti è presente in circa un caso su cinque di lavoro forzato nei servizi e nel lavoro domestico e nel 14% dei casi di lavoro forzato nel settore manifatturiero. Altri studi indicano il lavoro forzato in settori specifici tra cui la produzione di mattoni, il tabacco, la pesca, il disboscamento illegale e l’estrazione del legname, la tessitura di tappeti e la produzione tessile e di abbigliamento, tra gli altri. Le comunità emarginate, le minoranze etniche e religiose e le popolazioni indigene sono tra i gruppi particolarmente a rischio.

from “Global Estimates of Modern Slavery
Forced Labour and Forced Marriage”
© International Labour Organization (ILO), Walk Free, and International
Organization for Migration (IOM) 2022

This translation was not created by the ILO, Walk Free or
IOM and should not be considered an official ILO, Walk Free or IOM translation. The ILO, Walk
Free and IOM are not responsible for the content or accuracy of this translation.

Dona ora per chi ha bisogno. Grazie!

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE!
Con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo.
Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Involontarietà e coercizione nel lavoro forzato nel 2024

Aldo Trento: Sono tornato per aiutarvi ed essere aiutato a guardare il volto tenero di Cristo.